Recensioni spot

Iscriviti alle nostre newsletter!

Non perderti le nostre news e le nostre uscite: iscriviti alle nostre newsletter!
I agree with the Privacy policy

Jack Galbiati ci ha mandato questa interessante recensione relativa ad un mitico spot wave della Francia del Sud: la Coudouliere. La pubblichiamo volentieri, sicuri che tornerà utile a molti! Per le foto, ringraziamo Michele Ferraina, e Michele Iungo.

 

Windsurf recensioni spot: La Coudouliere (Francia)

La recensione è stata aggiornata a gennaio 2017, alla luce della nostra visita dello spot. Le integrazioni sono evidenziate in blu. 

DSCN1438

DSCN1440

"Approfittando del ponte del 25 aprile 2016, abbiamo finalmente fatto la tanto desiderata trasferta in Francia.

Pernottamento presso Hotel F1 (Toulon Ouest), a 33 euro a notte (camere da 3 persone): ottima soluzione: economico, decente, bella doccia (e ci vuole dopo una bella uscita), vicino allo spot, parcheggio recintato. L'Hotel F1 è una soluzione piuttosto spartana, anche se pulita. La tripla (gennaio 2017) effettivamente viene intorno ai 30 euro (10 euro a testa!). Sappiate, tuttavia, che le camere non hanno WC e doccia in camera (solo un lavandino). Sono disponibili, in quantità sufficiente, dei WC e delle docce comuni in corridoio. Il disagio principale legato a tale circostanza deriva dal fatto che a tarda sera ed alla mattina presto, si sentono le porte delle camere aprirsi e chiudersi di continuo, per le persone che si recano in bagno o a far la doccia. Inoltre, va segnalato che la colazione (2,99 €), è essenziale, e di qualità inferiore rispetto a quella offerta, ad esempio, al B&B Hotel. Infine, l'Hotel dista 5-6 km dallo spot. Adiacente all'Hotel F1, avete l'Hotel Premiere Classe, che abbiamo provato recentemente, e che appartiene sempre alla categoria degli hotel di fascia economica. A differenza dell'F1, però in questo caso le camere dispongono di bagno privato.

In alternativa, nella zona avete due Hotel dalla catena B&B: uno a La Seyne sur mer, l'altro, più lontano, a Toulon. Ovviamente, se volete trovarvi altri tipi di sistemazioni, potete provare con i soliti booking.com, airbnb.com, ecc.


Su tre giorni di permanenza, nel ponte del 25 aprile, tre giorni di vento bello forte. 

Coudo 1


Si esce dalla spiaggia adiacente (quella a Nord) al porto della Coudouliere (Six Fours Les Plages) dal punto più sopravento; il fondale è roccioso e con qualche riccio. Si parcheggia la macchina presso il parcheggio del porto stesso. Vedi mappa a fine articolo.
Si esce, con maestrale, mure a destra. La spiaggia a Nord del porto è quella vera e propria dello spot, ideale per andarsi a prendere le onde migliori sotto la rupe del promontorio che delimita lo spot a Nord. Alcuni, temendo la scogliera sotto vento a protezione del molo del porto, escono dalla spiaggia a sud del Porto (la vera e propria Plage de la Coudouliere). Con vento da NW (e non da W) ritieniamo che possa essere un'alternativa, anche se non l'abbiamo provata. In tal caso, si ha a disposizone una baia di 300 metri circa in cui bordeggiare, prima di uscire in mare aperto. Attenzione verso sud della baia, a degli scogli semiaffioranti presenti a 50 metri circa dalla costa.

DSCN1720

Per il parcheggio, i posti più gettonati per uscire alla vera e propria Coudou sono quelli (una quindicina) immediatamente dietro la spiaggia (venendo da Sanary, girare a destra in corrispondenza dell'indicazione "Port de la Coudouliere", e, poi, ancora subito a destra). Altrimenti, appena entrati nel parcheggio del porto, girare a sinistra, dove si trovano altri (una ventina) parcheggio a spina di pesce, che costeggiano il porto. Infine, proseguendo verso sud oltre l'ingresso al Porto, in corrispondenza della rotonda immediatamente successiva, troverete sia sul lato mare che sul lato strada, due ampi parcheggi, comodi per lo spot di sotto vento al porto, oppure, da utlizzare, per parcheggiare la macchina, in caso di affollamento, dopo aver scaricato l'attrezzatura al vero spot della Coudou. Prima della rotonda, sul lato strada, avete anche altri parcheggi, in corrispondenza di una zona di esercizi commerciali (bar).

 

banner pubblicita

 

DSCN1485

DSCN1467

DSCN1736

Alla Coudou, si esce spesso con tavole e vele piccole (con 35-40 nodi, tavole sui 70 litri, e vele da 3,7 per windsurfer di peso intermedio, 70 kg). Con NW, allora, si pone il problema di di superare i primi 50-70 metri a ridosso della spiaggia, che rimangono coperti dal promontorio a Nord. In tal caso, allora, come di consueto, bisogna trovare un compromesso tra il guadagnare un po' di velocità poggiando, ed il non perdere troppa acqua, rischiando di finire pericolosamente vicini alla scogliera del porto. Guardate comunque i locali, e capirete cosa fare. In genere, ho visto che i più cercando di tenere una rotta verso l'Isola di Embiez, cercando di prendere rapidamente velocità in planata, viaggiando paralleli alle onde più piccole, ed evitando di saltare subito (se non siete dei maghi) le onde più grosse che via via s'incontrano verso il largo (per risparmiare energie, e per non rischiare subito un wipe out sulla scogliera). 

DSCN1443

FullSizeRender 1


Lo spot in sè non è estremo: potrebbe definirsi uno spot tutto sommato alla portata di chi sappia gestire l'attrezzatura in condizioni di vento forte e onda formata, spesso frangente anche al largo. Essenziali almeno le manovre di base, soprattutto waterstart. Lo shorebreak non rappresenta generalmente un problema per chi ha già un po' di esperienza. Comunque, occorre valutare bene le condizioni. Con vento fino a 25 nodi medi, soprattutto se da NW, è un conto; con vento sopra i 30-35 nodi medi, lo spot richiede sicuramente buona padronanza dei fondamentali, ed attrezzatura adeguata (tavole di adeguato volume in rapporto al peso del rider, e tendenzialmente tavole wave). Lo spot può risultare ingannevole con NW, perchè sotto riva vi darà la sensazione che il vento non sia troppo forte, e che l'onda sia contenuta. Superato il promontorio a Nord, invece, vedrete che il vento picchia, e l'onda è consistente.  

FullSizeRender 3


Occorre fare attenzione al molo sottovento: se si casca e non si riesce a ripartire, vento e corrente ti portano lì abbastanza velocemente! La soluzione migliore quando si è a 2-3 metri dal molo è lasciarsi trasportare dalla corrente e rientrare in spiaggia alla fine del molo. Presso il molo si crea infatti una sorta di risacca che ti tiene a distanza, salvo errori: se si cerca di partire dall' acqua senza riuscirci, è molto probabile finire sul molo sospinti dal vento. Non garantisco sulla risacca in caso di onda veramente grossa.
Comunque, per evitare problemi di ogni sorta, consiglio di tenersi sopravento, lontano dal molo e con tanta acqua da perdere in caso di errore o calo repentino del vento.

FullSizeRender 5


Le onde migliori si formano vicino alla scogliera sopravento: occorre risalire un po' nel bordo in uscita per trovarsi nel punto migliore per surfare al ritorno, ma basta guardare qualcuno di più esperto per capire dove prendere posto.

DSCN1524

DSCN1586


E' d'obbligo una tavola reattiva per divertirsi davvero!
Le onde non sono difficili da prendere; se però la direzione del vento non è ottimale, diviene difficile sfruttarle bene (almeno per me che sono un novizio).
Talvolta il problema diventa il traffico, quindi occhio alle precedenze per evitare spiacevoli collisioni. Attenti anche a non spingervi troppo a ridosso della scogliera per prendere le onde". Nei primi bordi in uscita, si bolina bene portandosi verso il largo, per poi portarsi con NW, quasi completamente ad ovest della punta del promontorio, e poi iniziare a surfare l'onda, con un primo bottom deciso. In questo punto, in caso di caduta, vento e corrente vi portano verso il centro della baia (e quindi in salvo), mentre le onde vanno a frangere contro il promontorio in una zona di bassi fondali rocciosi (pericolo).

DSCN1611

DSCN1617

Comunque, in caso di caduta, avete un po' di tempo per fare la waterstart prima di raggiungere la zona di bassi fondali (guardate bene questo video, in cui vedrete anche qualche rider cadere in quella zona, per valutare la situazione). Altrimenti, se non ve la sentite di surfare le onde in questa zona, semplicemente rimanete più al largo, durante la sessione. 


Aloha! Jack e Fabio

Se avete suggerimenti sullo spot, postateli nei commenti a fine articolo!

Per farvi un'idea delle condizioni che caratterizzano lo spot con vento forte di NW a 40 nodi, potete leggere il report del 14 gennaio 2017, in cui troverete anche un bel video con lo spettacolo messo in scena dal local e pro-rider Loick Lesauvage (F780). 

 

P.s. Il rischio di finire contro il molo sottovento, a detta di surfisti esperti, è più alto in caso di vento da Ovest (Ponente). Qualora, invece, il vento venga da Nord-Ovest, consente più facilmente di tirare bordi rimanendo discosti dal molo, o di non finirvi addosso in caso di problemi e scarroccio. Nel caso in cui aveste dei problemi a ridosso della scogliera del porto, oltre a ricordare che come in altri posti simili, la corrente che entra nella biaietta della spiaggia tende ad uscire parallela alla scogliera ed a portarvi oltre questa, verso sud (all'imboccatura del porto, e quindi non fate l'errore di tentare di nuotare contro di essa, verso la spiaggia di uscita), tenete presente che sotto vento al porto, come detto, avete circa duecento metri di spiagge sabbiose dove atterrare. Comunque, se il vostro livello non è più che buono, la prima volta provate lo spot con vento entro i 25 nodi medi, ed onda relativamente contenuta. Per farvi un'idea chiara dello spot, in condizioni di vento molto forte (60 nodi....), è utile leggere anche questo articolo di Ezio Papalia di RiwMag.

Infine, va segnalato che, vicino, c'è anche lo spot di Le Brusc, meno rischioso e più facile. Leggi qui la recensione di Le Brusc. Leggete anche il report di un'uscita a Le Brusc con NW a 40 nodi. Poco a Nord della Coudou, verso Sanary (e davanti all'Ufficio del turismo), avete anche lo spot di Brutal Beach. Non lo abbiamo provato, ma con NW ci è sembrato relativamente tranquillo (spiagge di sassolini, ed onda meno impegnativa).

DSCN1458

Eventuali fotografi, o amici/fidanzate fotografe al seguito, che si volessero appostare per fare delle belle foto, possono posizionarsi sulla rupe che dal promontorio a Nord dello spot scende verso il mare (saranno in buona compagnia, di altri fotografi anche professionisti). Per accedervi, bisogna entrare nel parco pubblico "Parc Mediterranee" che occupa parte del promontorio. L'entrata è dalla strada che scende verso sud al Porto, poco prima che inizi la discesa (incrocio con semaforo). Entrati nel parco, dopo circa 150 metri, sulla sx (verso il mare), si individuano dei sentieri (in corrispondenza di postazioni della seconda guerra mondiale). Imboccandoli, poco dopo, si arriva a delle piccole terrazze, dove ci si può posizionare.

DSCN1495

 

 

I commenti a fine articolo sono graditi (se non siete registrati su Disqus, e non volete farlo, potete accedere con il vostro account social). E ricordate che i commenti su facebook volano, qui rimangono.....

Mandateci i report (anche brevi) delle vostre uscite con foto e video, o le vostre recensioni degli spot, o dell'attrezzatura. Li pubblicheremo su Waterwind, per condividerli con tutti!

Se vuoi sponsorizzare Waterwind, fare pubblicità con noi, o inserire un tuo banner in questo articolo, contattaci.

Sei un windsurfer appassionato? Vuoi collaborare con noi? Leggi qui, allora!

Aiuta Waterwind.it a crescere: sostienici

Per le sveltine.... andate su Facebook...., per la passione venite su Waterwind.it

Acquista i nostri gadgets, o le nostre Lycra.

Booking.com

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.