Report sessioni

Iscriviti alle nostre newsletter!

Non perderti le nostre news e le nostre uscite: iscriviti alle nostre newsletter!
I agree with the Privacy policy

Il richiamo della Coudouliere e di una sessione di windsurf tra le onde è stato irresistibile. Lunedì e martedì, siamo stati in Francia, a prenderci il maestrale portato da una delle poche perturbazioni atlantiche estive. Lunedì la Coudouliere ci ha regalato vento tutto il giorno, ed una sessione davvero molto divertente, con il valore aggiunto di temperature assolutamente piacevoli.

 

Windsurf, report sessioni: Coudouliere, Six Fours Les Plages, Francia

Mancavo dal mare e dalle onde dalle bellissime sessioni in Sardegna del giugno scorso (leggi report). Le onde danno dipendenza, ed un mese di astinenza è già troppo. Così, non ci ho pensato troppo, e domenica pomeriggio sono partito alla volta di Six Fours Les Plages. Anche perchè, a proposito di questa faccenda del Covid, la situazione non è molto rassicurante, e non vorrei che tra un po' ci impediscano di nuovo di viaggiare tra i diversi stati europei.

Il vento è entrato domenica (e chi era già sul posto, infatti, ha raccontato di una prima divertente sessione pomeridiana).

Io mi sono presentato alla spiaggia della Coudouliere, lunedì mattina presto, e, per prima cosa, ho preso un cappuccino per svegliarmi bene. Manco a dirlo, subito, ho incontrato altri ragazzi italiani sullo spot: Simone, Alessio, ed Edoardo. Abbiamo iniziato a studiare la situazione.

Lunedì la Coudouliere ha regalato la classica giornata di maestrale (in realtà, più orientato da ponente), con vento in crescendo con il passare delle ore. Mattina tranquilla (vento intorno ai 25 nodi), e poi, da metà giornata, vento superiore ai 30-35 nodi, ed onde di ottima misura (almeno un paio di metri). Acqua calda. Muta corta, o costume e Lycra.

Per tutto il giorno, il vento è risultato molto onshore. Anzi, non mi era mai capitato di surfare qui alla Coudouliere con vento così tanto orientato da Ovest (a tratti O/SO). Ma alla fine, a parte l'uscita dalla spiaggia ed il primo bordo che richiedono attenzione per non andare a far visita alla scogliera del porto, sono condizioni che non mi dispiacciono affatto. Il vento forte consentiva di entrare subito in planata dopo la partenza, evitando così facilmente di finire vicino alla scogliera, e nel bordo mure a sinistra si poteva bolinare bene, verso Cap Negre, per andare a prendersi ancora più onde. Peraltro, ho l'impressione che, con vento da Ovest, si alzino anche onde più alte e più regolari.

 

Windsurf Coudouliere France 1 

 

Clicca qui, per la slidegallery completa di lunedì (foto a bassa risoluzione scaricabili gratuitamente).

 

La mattina sono uscito con la Goya Guru X Pro 2020 4,7. Essendoci onda ancora contenuta, come tavola, ho usato il Tabou Pocket 94 2016, che anche in questa occasione, come in Sardegna, si è rivelata un'ottima tavola, in grado di gestire anche onde di buona misura. Per renderla più reattiva, l'ho preparata con le pinne K4 (Scorcher 18 centrale, e 11 Stubby laterali che mi stanno dando tante soddisfazioni). 

Le due sessioni della mattina per me sono state molto divertenti, anche grazie alla maggior freschezza fisica.

Il buon volume sotto i piedi mi ha consentito di manovrare decentemente, virando (non facile per me tra le onde) e strambando abbastanza bene. Ma, soprattutto, ho provato e riprovato tante volte a surfare le onde. Ne ho prese tante di onde, questa volta. Più torno alla Coudouliere, più la conosco, più surfo meglio e mi diverto.

Peraltro, con la Coudouliere avevo un conto aperto da chiudere, visto che l'ultima volta che ero stato qui, a dicembre 2019 (leggi report), ero andato a salutare la scogliera, e qualcuno si era "preso in prestito definitivo" un mio albero....

Come dicevo, ho rifatto pace, alla grande, con la Coudouliere.

Le onde della mattina, per quanto non grandi (1,5 - massimo 2 metri), sono risultate piuttosto pulite. Mi sono esercitato tanto a surfarle, facendomi prendere dalla gola, ed andando spesso a cercare la sezione più ripida fin sotto Cap Negre. Con il vento così onshore, la mia difficoltà è quella di non prendere troppa velocità scendendo dall'onda ed eseguendo il bottom turn. Spesso, sono uscito dal bottom 10 metri avanti al lip dell'onda, e fuori tempo, per piazzare il cut back. Devo imparare anche a tenere più a lungo l'andatura in switch con la vela aperta, per cercare la cresta dell'onda quando questa sta per rompere. In questo molti local (Loick Lesauvage ed Antony Ruenes, ma non solo), sono dei maestri e possono surfare anche buona parte dell'onda down the line in switch, per attendere che diventi ripida, e piazzarci magari un bel Gu Screw, come si vede fare a Loick, nel video qui sotto.

Comunque, mi sono divertito molto, ed anche Simone di Torino (che, nell'andatura in switch in uscita dal bottom, ci sa fare...), con Fanatic Stubby e vela Duotone, che mi ha anche consigliato, nell'esecuzione del cut back, di aspettare che il lip dell'onda mi sposti la tavola, prima di chiudere la vela.

Sono rimasto in acqua, fino a quando sono riuscito a tenere la 4.7. Poi, il vento ha iniziato ad aumentare. Ho armato rapidamente la Ezzy Elite 4.2 2019, e sono rientrato in acqua ancora con il Pocket 94. Ma il vento era già diventato da 3.7 ed 80 litri. E le onde erano anche superiori ai 2 metri in qualche caso.

Non essendo in controllo con 4.2 e 94, sono uscito dopo mezz'ora, per evitare di stancarmi.

 

Windsurf Coudouliere France 2 

A terra, ed in acqua, il solito gruppo di rider francesi, sempre molto gentili e simpatici, tra cui Guillame, che abita a 5 minuti dalla Coudou (beato lui). Mi dispiace di parlare poco il francese. Mi piacerebbe socializzare di più. Comunque, se non altro, a furia di venire in Francia, almeno, capisco quello che mi dicono, e sono riuscito ad aiutare un ragazzo che aveva bisogno di una chiave per le stecche della vela, ed a dare qualche consiglio sulla misura della vela da usare. Dovrei farmi venire la voglia di studiarlo un po' questo francese.... o stare in Francia per un po' di mesi!

Anche Guillame, dopo una prima sessione con vento forte, nelle ore centrali, è uscito per aspettare il calo del vento nel tardo pomeriggio.

Io sono andato a mangiare e poi a fare le foto dalla scogliera, a quelli rimasti in acqua che non hanno mollato neanche per un minuto. E sul più bello ha fatto la sua comparsa anche Federico Morisio, I-676, tornato dal confinamento passato in Cile, ad allenarsi. E' stato bello rincontrare Federico e scambiare quattro chiacchiere sui suoi, e miei, programmi futuri e sugli adattamenti che richiede questa emergenza del Covid (ci rivediamo di sicuro in Sardegna in Autunno).

Il pomeriggio, il vento a parte qualche calo momentaneo, ha rinforzato ulteriormente, sfiorando i 40 nodi a fine giornata. 

Non sono più rientrato in acqua, ed abbiamo concluso la serata con una bella cena con Simone, a base di cozze, al Galeon a Sanary Sur Mer, piena di turisti in vacanza, e bella come al solito. Simone, appassionato di surf da onda, mi ha raccontato ampiamente di quanto sia facile "fare amicizia" nei vari spot del mondo, grazie a questo sport ......

Per la cronaca, il giorno dopo, martedì 4, la Coudouliere non ha lavorato bene: il maestrale è risultato, prevalentemente, troppo orientato da Nord. Il vento è risultato troppo instabile. Io ho fatto un'uscita con la 4.2 ed il Tabou Da Curve 80 prima, e la 4.7 ed il Tabou Pocket 94 poi, ma senza grande soddisfazione, e con tanta fatica. Con il senno di poi, probabilmente, sarebbe stato meglio accontentarsi di una sessione funboard o freestyle di allenamento a Le Brusc, dove, con NW, ci sono sempre 5 nodi in più.

A metà pomeriggio, mangiando un po' di uva sulla panchina del porto, di fronte al panorama della Coudouliere, prima di partiere, ho pensato, anche questa volta, a quanto fosse difficile venire via da Six Fours.

Hang Loose.

Fabio Muriano

Waterwind.it esiste grazie al vostro contributo: diventa nostro supporter, ed accedi ai contenuti riservati!

I commenti a fine articolo sono graditi (se non siete registrati su Disqus, e non volete farlo, potete accedere con il vostro account social).

Sei un windsurfer appassionato? Vuoi collaborare con noi? Leggi qui, allora

Se vuoi sponsorizzare Waterwind, fare pubblicità con noi, o inserire un tuo banner in questo articolo, contattaci.

Acquista i nostri gadgets, o le nostre Lycra.

 

Clicca qui, per la slidegallery completa di lunedì (foto a bassa risoluzione scaricabili gratuitamente).

 

Il video della giornata di lunedì

Organizzazione trasferte/uscite in Windsurf

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più, vai alla sezione Cookie Policy.