Report sessioni

Iscriviti alle nostre newsletter!

Non perderti le nostre news e le nostre uscite: iscriviti alle nostre newsletter!
I agree with the Privacy policy

Dopo una primavera inclemente, finalmente una giornata come Dio comanda! 28 gradi di temperatura, e soprattutto un bel nord tutto da godere! Domenica 2 giugno 2013 sono uscito ad Abbadia Lariana (Lago di Como), dopo aver consultato tutti i miei siti meteo preferiti, e soprattutto meteoblue.ch (vedi sezione previsioni vento). Non sono stato tradito.

Fin dal mio arrivo, verso le 12, soffiava un bel nord, misurato a terra intorno a 20 nodi di media, e 25 sulle raffiche. Sono uscito con la 4.7, come la maggiorparte dei surfisti in azione (qualcuno azzardava vele da 5.2 - 5.3). Come tavola, una Jp X-Cite Ride 146 (mi considero un principiante avanzato). Per me, la prima ora non è stata la migliore, sia per il vento un po' bucato a centro lago, e sia perchè, verso l'ora di pranzo, mi piglia sempre la mia solita crisi ipoglicemica, che mi ha fatto entrare in acqua un po' molle, e non con quel po' di sana cattiveria che ci vuole in queste occasioni. Decido di fermarmi per pranzo e bevo un bel caffè.

Rientro in acqua verso le 14,30 ritemprato e dopo aver scatto le foto che vedete qui sopra. Nel frattempo, il vento si è disteso a 25 nodi medi e 30 sulle raffiche. Capisco subito che andrà meglio, ed, infatti, sin dal primo bordo mure a dritta, parto come un missile fino alla sponda opposta. Cambio mure, ed altra planata a manetta. Con più vento è quasi più facile, perchè la planata è ininterrotta, e più facile da tenere. Con la 146, e con un'onda di 50 - 70 cm, è una cavalcata eccitante, per me che sono ancora alle prime armi con le planate. Urla di goduria a ripetizione (e quelli che erano fuori ad Abbadia Lariana in questo giorno di gloria, avranno forse capito chi è l'autore di questo articolo). Tiro bordi a velocità per me mai raggiunte, fino a quando, verso le 16 capisco che inizio ad essere un po' stanco.

Due chiacchiere con Guido, e scambio reciproco di impressioni; poi, disarmo, e, per le 17,30, sono a casa, saltando tutte le code dell'alto lago di questi tempi (valore aggiunto della giornata).

Ricorderò per sempre questa giornata, perchè è stata la prima volta che non sono solo "sopravvissuto" al Nord, ma ho goduto veramente. E questo è l'importante del windsurf. Per i numeri da acrobata di quelli più bravi intorno a me, presenti sullo spot (vedi videoreport), c'è tempo!

Have Fun, Fabio Muriano

Per visualizzare lo slideshow in alta risoluzione con Picasa Web Album, clicca qui.

Organizzazione trasferte/uscite in Windsurf

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più, vai alla sezione Cookie Policy.