Report sessioni

Iscriviti alle nostre newsletter!

Non perderti le nostre news e le nostre uscite: iscriviti alle nostre newsletter!
I agree with the Privacy policy

Ci voleva proprio.  Dopo il controverso weekend ligure, sono venuto a curarmi al Lago di Garda. La terapia ha funzionato.  Il Pra' de la fam, oggi, ha regalato 3 ore di Peler ad oltre 30 nodi ed una sessione di windsurf da leccarsi i baffi....

 

Windsurf, report sessioni: Pra' de la Fam, Lago di Garda, 8/10/2020. Un Peler terapeutico a più di 30 nodi 

Come segnalato nel forum di waterwind, le previsioni erano ottime, e così mi son giocato il bonus, ed ho speso il giorno di ferie. Mi sono svegliato al parcheggio del Pra' verso le 7,00. E subito abbiamo iniziato bene: alba con colori stupendi. Intanto, il parcheggio si è riempito entro le 8,30.

Qualcuno ha cercato di seminare il pessimismo in quanto il vento ancora non arriva al Pra' dopo le 8,00. Michelino invece ha seminato subito ottimismo (bravo), ed alle 7,30 è già pronto in spiaggia con la 4.0 (una Gaastra, si dice che vogliano prenderlo nel team al posto di Traversa....) ed un improbabile muta pigiamino....

Ma gli anemometri in alto lago, fanno capire che sta per arrivare la botta. Ormai, il sole sorge più tardi, e spunta dal Monte Baldo verso le 8,30.  Così, il vento. Quindi, bisogna solo avere più pazienza ed aspettare. 

 

Windsurf Pradelafam Garda Peler 002

 

Ed infatti alle 9,00 siamo entrati in acqua.  Io ho montato la Ezzy Elite 4 2 2019 e la Tabou Pocket 94 2016 settata con le pinne k4 (Scorcher 18 centrale, e le Stubby 11 laterali). Il vento si conferma abbastanza forte nella prima ora, ma non fortissimo, e meno disteso vicino alla spiaggia.  Comunque sono invelato giusto. La Ezzy Elite si conferma una vela davvero stupenda (leggi recensione). Anche il Tabou Pocket fa il suo dovere, tanto più con le pinne K4, che rendono la tavola piacevolmente morbida sotto i piedi. Il Pocket è veramente una tavola versatile (leggi recensione), a suo agio tra le onde piccole medie, al mare, e con il Peler (Ale Venezia quando hai qualcos'altro di buono da vendere, fai un fischio....).

A metà lago, bordeggio un po' con Michael Silgoner di Bolzano, in acqua con tavola freestyle, che mostra un bel repertorio di Shaka, Downwind 360, Flaka, Duck Jibe, ed altre manovre freestyle che non riconosco, ed ogni tanto, per sgranchirsi, snocciola forward uno dietro l'altro (anche 2 in 50 metri!). Bravo, bravo, bravo! E' quel tipo di rider che piace a me, elegante e fluido in acqua. Gli faccio qualche video in acqua (che poi mi studio per carpire qualche segreto...).

Nelle ultime uscite sono tornato a fare i video anche dall'acqua. Non è facile stare appollaiato sulla tavola, mentre il chop del Peler tenta di disarcionarmi. Ma devo dire che i risultati, giustificano la fatica. 

Clicca qui per la completa e ricca slidegallery della giornata.

 

 

Windsurf Pradelafam Garda Peler 001 

Dopo le 10,00 il Peler aumenta decisamente di intensità e si distende, molto forte e regolare, su tutto lo spot. Si plana a cannone fino in spiaggia. Reggerà così fino alle 12,00! E dopo si potrebbe planare ancora con la 4.7.

Sono leggermente sovrainvelato, ma non fuori controllo. Ogni tanto, esco per riposarmi e ne approfitto per fare un po' di foto e video. In acqua, ci sono Simone e Davide, i Goya twins. Son belli pieni anche loro. Filmo Simone che gira un forward veramente alto.

Presente anche Mattia Fabrizi, freestyler professionista (vedi belle manovre nel video). Mattia sta migliorando sempre di più, ogni volta che lo rivediamo in acqua. La concorrenza è forte, ma sicuramente avrà da dire anche lui la sua nelle prossime gare.

Buona ancora anche la presenza di rider austriaci. Presente anche un bel gruppetto di rider del mio circolo, il Windsurf Club Valmadrera (lago di Como), capitanati da Gigi Colombo.

Resto in acqua più che posso, e finché resisto. Devo risolvere un problemino  con la speed jibe mure a dritta, che provo e riprovo. Ma alle 12,00, vince la fatica. 

Esco veramente soddisfatto a mezzogiorno, un po' guarito da alcune incazzature della vita, e procurate anche dal windsurf, che a volte, per via dei capricci del vento, fa diventare matti. Mi rilasso un po' stendendomi a prendere un sole ancora bello caldo, e poi vado da Detour a Peschiera, dal buon Matteo, a far curare anche tavola, vela e boma, usciti anche loro un po' malconci dall'ultimo weekend ligure.

Aloha. Fabio

Clicca qui per la completa e ricca slidegallery della giornata.

Waterwind.it esiste grazie al vostro contributo: diventa nostro supporter, ed accedi ai contenuti riservati!

I commenti a fine articolo sono graditi (se non siete registrati su Disqus, e non volete farlo, potete accedere con il vostro account social).

Sei un windsurfer appassionato? Vuoi collaborare con noi? Leggi qui, allora

Se vuoi sponsorizzare Waterwind, fare pubblicità con noi, o inserire un tuo banner in questo articolo, contattaci.

Acquista i nostri gadgets, o le nostre Lycra.

 

Qui sotto una selezione delle foto, ed il video della sessione (video, in fase di editing)

 

 

 

Organizzazione trasferte/uscite in Windsurf

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più, vai alla sezione Cookie Policy.