Le vostre recensioni dei prodotti

Iscriviti alle nostre newsletter!

Non perderti le nostre news e le nostre uscite: iscriviti alle nostre newsletter!
I agree with the Privacy policy

Un thruster veloce, per onde precise....

 

Windsurf test: Fanatic Triwave TE 2013 86

SanTeodoro 11

 

Technical data:

Volume: 86 lts

Length: 234 cm

Width: 57.5 cm

Weight: 6.5 kgs

Fin: MFC TF 2x12cm / 1x18cm; 2xSlotBox 13cm / Center US 

Raccomended sailsize: 4,2 - 6,2m²

Producer website

 

Risultato del test: 

Ho provato questo thruster di casa Fanatic in molti spot wave/bump and jump: Coudouliere (Francia), all'Almanarre (Francia), a Funtana Meiga, San Teodoro (Sardegna), diverse volte sul lago di Garda con il Peler. E' risultata una tavola alquanto veloce (buona velocità di punta), che entra in planata in maniera decisa, e con un'andatura piuttosto stretta, per essere una tavola wave. Tende, però, a sbattere di più quando il piano d'acqua è mosso, se non addirittura disordinato (Almanarre). Soffre un po' la sovrainvelatura, in quanto appena si da potenza alla vela, l'accelerazione è più repentina. Insomma, in andatura è una tavola che richiede più "piede" per tenerla sotto controllo. Probabilmente, questi effetti sono il risultato di una carena con un rocker piuttosto dritto.

Nel waveriding, ed in strambata, gira un po' meno stretta rispetto, ad esempio, al Quad di casa Fanatic dello stesso litraggio ed anno (leggi recensione del Quad); soprattutto, a differenza del Quad, il Fanatic Triwave consente di effettuare un bottom turn meno dolce e graduale, perchè scende dall'onda piuttosto velocemente (il Quad, invece, scende dall'onda più lentamente, consentendo curve più radicali).

Direi che il thruster funziona bene negli spot con vento e piano d'acqua più regolari, in particolare, con una superficie d'acqua più liscia tra due onde successive (es. Funtana Meiga).

Nei salti, il thuster è più veloce e potrebbe saltare di più del quad, salvo il fatto che spesso mi è toccato rallentare l'andatura tra le onde per tenerlo più in controllo. Dopo lo stacco dall'onda, il thruster ha una certa tendenza ad abbassarsi di prua, che va assolutamente compensata, tendendo la gamba di poppa in volo, se non si vuole ammarare disastrosamente di prua. Probabilmente, la maggiore lunghezza (ma forse anche la posizione più avanzata della scassa per il piede d'albero, ed una diversa distribuzione dei pesi) fa si che la tavola prenda facilmente vento da sopra, abbattendo di prua in volo. Al limite, questa tendenza può agevolare l'esecuzione del forward loop.

Voto: 8 

 

I commenti a fine articolo sono graditi (se non siete registrati su Disqus, e non volete farlo, potete accedere con il vostro account social). E ricordate che i commenti su facebook volano, qui rimangono.....

Mandateci i report (anche brevi) delle vostre uscite con foto e video, o le vostre recensioni degli spot, o dell'attrezzatura. Li pubblicheremo su Waterwind, per condividerli con tutti!

Se vuoi sponsorizzare Waterwind, fare pubblicità con noi, o inserire un tuo banner in questo articolo, contattaci.

Sei un windsurfer appassionato? Vuoi collaborare con noi? Leggi qui, allora!

Aiuta Waterwind.it a crescere: sostienici

Per le sveltine.... andate su Facebook...., per la passione venite su Waterwind.it

Acquista i nostri gadgets, o le nostre Lycra.

Lista recensioni attrezzatura (per tipo di prodotto)

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.