Neve

Iscriviti alle nostre newsletter!

Non perderti le nostre news e le nostre uscite: iscriviti alle nostre newsletter!
I agree with the Privacy policy

Continua la nostra esplorazione delle piste di sci di fondo della Lombardia. Il 16 gennaio 2021 siamo stati a Schilpario, in Val di Scalve, in provincia di Bergamo, che si è rivelata un'ottima località per la pratica dello sci nordico. La Pista degli Abeti ha tracciati in grado di soddisfare davvero gli appassionati di tutti i livelli. In questo articolo, vi forniamo una recensione del comprensorio.

Sci di fondo, recensione: Schilpario, Pista degli Abeti, Val di Scalve, Bergamo

Schilpario si può raggiungere percorrendo la strada statale 671, della Val Seriana, fino al Passo della Presolana, per poi scendere in Val di Scalve, e quindi salire a Schilpario, seguendo la SP 294. Oppure, si può salire dalla Val Camonica, ovvero raggiungere l'estremità Nord del Lago di Iseo, arrivare a Boario Terme, e quindi prendere la strada provinciale 294, per la Val di Scalve. Noi, partendo da Monza, abbiamo optato per la prima alternativa, che risulta, da Clusone in poi, piuttosto panoramica (anche se a tratti la strada è un po' tortuosa). Da Monza, ci vogliono due ore scarse per arrivare a Schilpario.

Il centro di fondo di Schilpario (1152 m s.l.m) si trova nella parte Est del paese. Per raggiungerlo, proseguite lungo la SP 294, superate l'abitato, ed entrate nell'ampio parcheggio in via degli Scuter. Ecco, già l'ampio e comodo parcheggio adiacente al Centro di fondo è una prima nota positiva dal punto di vista logistico che vi farà apprezzare la località. Vi basterà attraversare il ponticello di legno sul fiume, con gli sci in mano, e sarete sulle piste. Presso il parcheggio avete anche a disposizione un primo punto di ristoro (Bar Funtanì - d'estate questo è un centro sportivo con campi da tennis e calcio).

In corrispondenza dell'inizio delle piste avete la biglietteria (giornaliero a 7 euro - stagione 2021), un noleggio sci, gli spogliatoi (a gennaio chiusi, per l'emergenza Covid), i servizi igienici, e la scuola sci. Qui c'è anche una bella pista di pattinaggio su ghiaccio coperta.

 

Sci fondo Schilpario Valdiscalve 011

Sci fondo Schilpario Valdiscalve 007

 

All'inizio delle piste, avete un ampio falso piano, perfetto per i principianti che vogliono fare i primi passi in questo sport, magari seguiti da un maestro della scuola. E' importante considerare che la vallata in cui giace Schilpario ha orientamento Est-Ovest. Questo comporta che, nel cuore dell'inverno, le piste, che peraltro si sviluppano per lo più nel bosco, rimangano sempre in ombra. Tale circostanza, ovviamente, favorisce la tenuta della neve a lungo durante la stagione, ma comporta anche temperature piuttosto basse lungo i percorsi. Le basse temperature, inoltre, soprattutto nel cuore dell'inverno, possono fare si che la neve sui tracciati sia piuttosto dura. E' opportuno tenere conto di tali circostanze nella preparazione degli sci (in occasione della nostra sciata, con -6 °C di temperatura dell'aria, noi abbiamo sciolinato con sciolina Toko per neve -4/-10 °C). Leggete il nostro articolo sulla sciolinatura degli sci, anche in base al tipo di neve. Va, comunque, detto che le piste sono risultate ben battute e manutenute.

La piana all'inizio delle piste, invece, prende il sole in tarda mattinata, ma va anche lei in ombra nel pomeriggio, in pieno inverno. A fine dell'inverno/inizio primavera, almeno al Centro di fondo, le ore di sole sono sicuramente di più, a beneficio anche di eventuali accompagnatori al seguito. A questo proposito, gli accompagnatori possono, eventualmente, fare due passi in paese (il piacevole centro storico si sviluppa intorno alla Chiesa), anche perché rimane più esposto al sole, oppure, se aperta, possono divertirsi nella pista di pattinaggio.

 

Sci fondo Schilpario Valdiscalve 016

Sci fondo Schilpario Valdiscalve 028

cartina pista di fondo schilpario pista abeti

 

Per informazioni sul centro di fondo, è possibile consultare il seguente sito: https://www.centrofondoschilpario.com/

Lo sviluppo delle piste è di circa 11,5 km (vedi mappa generale, qui sopra), ma, percorrendo tutte le varianti, i chilometri complessivi sono sicuramente di più. Come accennato all'inizio, ci sono percorsi davvero adatti a tutti. Le piste sono integralmente preparate sia per lo skating, che per la tecnica classica. Vi diciamo subito che a noi le piste hanno procurato davvero molta soddisfazione, in particolare la pista nera Salita Glera (vedi lettera N sulla mappa). Per la qualità dei tracciati, le condizioni di manutenzione, ed anche per il piacevole paesaggio nel bosco, abbiamo davvero passato una bella giornata.

Viste le temperature medie che possono contraddistinguere i tracciati, durante il pieno inverno (in occasione della nostra trasferta,  come detto, massima di -6°C), magari consigliamo qualche giro di riscaldamento lungo la piana iniziale, prima di entrare nel bosco.

Quando siete pronti, dirigete verso Est, tenendo alla vostra sinistra il fiume. La prima parte della pista è blu, e quindi adatta a tutti.

Parte centrale dell'articolo omessa. La lettura della parte centrale di questo articolo è riservata agli utenti registrati e sostenitori di Waterwind.it. Per diventare sostenitore, clicca qui e registrati con un account supporter. Se sei già registrato con un account free, e vuoi diventare sostenitore, effettua il login, e poi vai alla pagina di registrazione per modificare il tuo account. Per maggiori dettagli, leggi qui.

Un ultimo tratto di pista blu vi riporta, quindi, alla piana iniziale, davanti al centro di fondo.

Siamo tornati al punto di partenza davvero soddisfatti della nostra sciata e della nostra giornata. Il Centro di fondo di Schilpario non offre solo una breve pista improvvisata, come quelle che purtroppo contraddistinguono alcune località sciistiche più vocate allo sci alpino, ma rappresenta un comprensorio per lo sci nordico veramente professionale, e di alto livello, dedicato agli amanti di questo sport affascinante, che mi dà sempre sensazioni bellissime, mi rilassa, e mi consente di immergermi nella pace e nella magia della natura d'inverno.

Al ritorno, per chiudere in bellezza la giornata, ci siamo anche fermati al passo della Presolana per ammirare il versante sud della Presolana, che non ha nulla da invidiare alle più famose cime dolomitiche (vedi slidegallery completa).

Buona sciata. Fabio Muriano

Clicca qui, per la slidegallery completa della giornata

 

Ti è piaciuto questo articolo? Allora, diventa nostro supporter, ed accedi ai contenuti riservati! 

Oppure, fai una donazione:  

 

Vuoi collaborare con noi? Leggi questo articolo, allora!

Se vuoi sponsorizzare Waterwind, fare pubblicità con noi, o inserire un tuo banner in questo articolo, contattaci.

X

Right Click

No right click

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più, vai alla sezione Cookie Policy.