Select your language

Cos'è per voi il windsurf?

  • nakaniko
  • Offline
  • Platinum Member
  • Platinum Member
  • windsurfista della neve
More
02 Dec 2022 14:53 - 02 Dec 2022 14:54 #15248 by nakaniko
Replied by nakaniko on topic Cos'è per voi il windsurf?
Mah. sono passati così tanti anni che lo ho persino dimenticato. Magari non esco molto rispetto ad altri, però semplicemente da aprile a fine ottobre penso tutto o quasi in funzione del windsurf. Non ho figli per cui... Diciamo che non ho "distrazioni" hahaha
Invece da novembre a fine aprile snowboard solo.
Confesso, folgorato dallo sno' iniziai il windsurf come alternativa estiva, anche per smettere di sciolinare la tavola da sno a giugno, era il 95-96. Poi visto che abito a Venezia la cosa ha preso la predominanza. All'inizio ficcavo a Venezia gli scarti dell'attrezzatura buona, tanto in barca si sbatte... Contraddicendomi come al solito nel 2010 comperai una cosetta da 460 cm chiamata Starboard Serenity, andandomela a pigliare in auto a Monaco di Baviera. Nel "resto del mondo" ovvero in terraferma ambizioni wave e realtà... windsup.
Ecco dopo decenni adesso un fatto triste ed inevitabile chissà, forse cambierà le cose, il regno della mia atrezzatura veneziana e da cui parto in barca per windsurfare in laguna è rimasto... Senza regina, dato che il 3 novembre è morta la mia anziana madre e la casa è vuota. E non sento più le sue preghiere di chiamarmi dalla barca e di non correre pericoli e tutto non è più lo stesso.
Vabbè è la vita.
E manco a dirlo per tirami su e lanciarmi oltre il dolore che rimedio ho trovato...? Goya Custom One carbon trifin 115 che mi deve arrivare (per "il resto del mondo").
Windsurf and snowboard are life, the rest is detail (come diceva la tale).
 

windsurf e snowboard ovunque, vedere www.youtube.com/user/nakaniko/videos
Tavole Starboard e JP + windsups North, Moki, Unifiber
Vele Hot Sails Maui
Last edit: 02 Dec 2022 14:54 by nakaniko.
The following user(s) said Thank You: ita4012, Scuffia

Please Log in or Create an account to join the conversation.

  • ita4012
  • Topic Author
  • Offline
  • Moderator
  • Moderator
More
02 Dec 2022 11:09 #15242 by ita4012
Replied by ita4012 on topic Cos'è per voi il windsurf?

Ciao Fabio! Il windsurf e’ per me’ un residuo di gioventù a cui rimanere attaccati il più possibile! Quando non riuscirò più allora sarò vecchio non solo anagraficamente!

Ciao Fabrizio. Ed allora ti auguro di rimanere giovane ancora a lungo...!

Sostenete Waterwind: diventate Supporter! Sustain Waterwind: become Supporters!

Share your passion!
The following user(s) said Thank You: Leo94

Please Log in or Create an account to join the conversation.

More
02 Dec 2022 10:49 #15240 by Leo94
Replied by Leo94 on topic Cos'è per voi il windsurf?
Ciao Fabio! Il windsurf e’ per me’ un residuo di gioventù a cui rimanere attaccati il più possibile! Quando non riuscirò più allora sarò vecchio non solo anagraficamente!
The following user(s) said Thank You: ita4012

Please Log in or Create an account to join the conversation.

  • ita4012
  • Topic Author
  • Offline
  • Moderator
  • Moderator
More
02 Dec 2022 09:04 #15236 by ita4012
Replied by ita4012 on topic Cos'è per voi il windsurf?

Io ho cominciato quando avevo 15 anni in Grecia, come naturale prosecuzione della barca a vela che avevo imparato a navigare qualche anno prima. Pensavo fosse facile, invece era una mezza tortura. Non c'erano né le straps, né il trapezio e le tavole erano molto strette e ondeggianti. Inoltre anche per i principianti si usavano le stesse tavole che per gli avanzati e si scaricava tutto lo sforzo sulle braccia e sulla schiena, che già dopo un paio d'ore gridavano di dolore (se lo facessi adesso finirei al pronto soccorso entro mezz'ora). Le tavole erano piatte come assi da stiro e fatte di una plasticaccia pesantissima, mentre le vele sembravano delle lenzuola di nylon, Planare poi era davvero faticoso e pareva di stare sul cavallo in un rodeo, non essendoci punti di aggancio. Persino ad un inesperto come me sembrava un'attrezzatura primitiva ed inutilmente pesante e poiché non era molto divertente, dopo qualche lezione ho abbandonato.

Fast forward 30 anni dopo, mi è venuta la curiosità di vedere se anche nel windsurf c'erano stati gli stessi progressi che c'erano stati nello sci, dove si è letteralmente passati dalle tapparelle in legno degli anni '80 a sofisticati strumenti multicompositi che curvano da soli. Visto che anche le tavole a vela erano migliorate molto, mi sono messo in testa di riprendere da dove avevo iniziato, scoprendo ahimè di non avere più l'agilità di un tempo, ma solo venti chili in più.

Da allora sarò uscito un centinaio di volte (sono un surfista comodoso), e mi piace moltissimo sia come attività fisica che come mezzo per stare in mezzo all'acqua, che adoro da sempre. Ma soprattutto è una sfida con i miei limiti, visto che è in assoluto lo sport in cui ho trovato più difficoltà ad imparare Ma è anche una competizione con la natura, in cui devo domare gli elementi per ottenere un effetto miracoloso e suggestivo come volare sull'acqua. Non secondario è anche il brivido del rischio che si corre ad ogni uscita. perché un po' di pericolo c'è sempre, vuoi per la possibile rottura dei materiali lontano dalla riva, o per le cadute in piena planata, o per i colpi di boma nelle costole.

In definitiva invidio moltissimo i ragazzini di oggi che possono iniziare questo sport meraviglioso con un'attrezzatura fantastica e devono pensare solo a divertirsi invece di fare le dodici fatiche di Ercole. Da par mio cercherò di sfruttare gli anni di vigore che mi restano per diventare almeno discretamente bravo, concentrandomi su quelle manovre che rendono il tutto meno faticoso per magari raggiungere il gotha di quei locals famosi per essere ancora a cavallo della tavola a settant'anni suonati.

Gran bella descrizione, Michele. Grazie per la condivisione.

Ciao. Fabio

Sostenete Waterwind: diventate Supporter! Sustain Waterwind: become Supporters!

Share your passion!

Please Log in or Create an account to join the conversation.

More
01 Dec 2022 21:46 #15235 by Brienno
Replied by Brienno on topic Cos'è per voi il windsurf?
Io ho cominciato quando avevo 15 anni in Grecia, come naturale prosecuzione della barca a vela che avevo imparato a navigare qualche anno prima. Pensavo fosse facile, invece era una mezza tortura. Non c'erano né le straps, né il trapezio e le tavole erano molto strette e ondeggianti. Inoltre anche per i principianti si usavano le stesse tavole che per gli avanzati e si scaricava tutto lo sforzo sulle braccia e sulla schiena, che già dopo un paio d'ore gridavano di dolore (se lo facessi adesso finirei al pronto soccorso entro mezz'ora). Le tavole erano piatte come assi da stiro e fatte di una plasticaccia pesantissima, mentre le vele sembravano delle lenzuola di nylon, Planare poi era davvero faticoso e pareva di stare sul cavallo in un rodeo, non essendoci punti di aggancio. Persino ad un inesperto come me sembrava un'attrezzatura primitiva ed inutilmente pesante e poiché non era molto divertente, dopo qualche lezione ho abbandonato.

Fast forward 30 anni dopo, mi è venuta la curiosità di vedere se anche nel windsurf c'erano stati gli stessi progressi che c'erano stati nello sci, dove si è letteralmente passati dalle tapparelle in legno degli anni '80 a sofisticati strumenti multicompositi che curvano da soli. Visto che anche le tavole a vela erano migliorate molto, mi sono messo in testa di riprendere da dove avevo iniziato, scoprendo ahimè di non avere più l'agilità di un tempo, ma solo venti chili in più.

Da allora sarò uscito un centinaio di volte (sono un surfista comodoso), e mi piace moltissimo sia come attività fisica che come mezzo per stare in mezzo all'acqua, che adoro da sempre. Ma soprattutto è una sfida con i miei limiti, visto che è in assoluto lo sport in cui ho trovato più difficoltà ad imparare Ma è anche una competizione con la natura, in cui devo domare gli elementi per ottenere un effetto miracoloso e suggestivo come volare sull'acqua. Non secondario è anche il brivido del rischio che si corre ad ogni uscita. perché un po' di pericolo c'è sempre, vuoi per la possibile rottura dei materiali lontano dalla riva, o per le cadute in piena planata, o per i colpi di boma nelle costole.

In definitiva invidio moltissimo i ragazzini di oggi che possono iniziare questo sport meraviglioso con un'attrezzatura fantastica e devono pensare solo a divertirsi invece di fare le dodici fatiche di Ercole. Da par mio cercherò di sfruttare gli anni di vigore che mi restano per diventare almeno discretamente bravo, concentrandomi su quelle manovre che rendono il tutto meno faticoso per magari raggiungere il gotha di quei locals famosi per essere ancora a cavallo della tavola a settant'anni suonati.

Fanatic Blast 130
Fanatic Freewave stb 115
The following user(s) said Thank You: ita4012

Please Log in or Create an account to join the conversation.

  • ita4012
  • Topic Author
  • Offline
  • Moderator
  • Moderator
More
01 Dec 2022 14:56 #15233 by ita4012
Cos'è per voi il windsurf? was created by ita4012
Negli ultimi tempi, mi sono ritrovato a riflettere spesso su questa domanda: cos'è per me il windsurf?

Più passano gli anni, e più mi rendo conto che non è solo uno sport, o un gesto tecnico. Se sapessi chiudere meravigliosamente un bel po' di manovre, sarei contento, ma non mi basterebbe. Probabilmente, dopo un po' mi annoierei comunque.

Mi rendo sempre più conto che per me il windsurf è un insieme di emozioni. E' la bellezza di scivolare sull'acqua, e di giocare con la forza del vento e con la potenza delle onde, e di giocare con la fisica per gestire al meglio tavola e vela durante le manovre. Ma è anche, e forse soprattutto, la bellezza di fare tutto questo in scenari naturali emozionanti, o di trovarmi a stretto contatto con una natura che sento viva. Quante volte, dopo essere caduto in acqua al largo, al mare, prima di rifare la partenza dall'acqua, mi sono fermato un attimo a contemplare la bellezza ed il vigore del mare agitato, o lo sfondo della costa intorno. Quante volte al Pra de la Fam, ho alzato gli occhi per contemplare la falesia, e sopra il verde dei monti, punteggiati dalle case di Tignale. Oppure, quante volte mi sono poi goduto il sole in spiaggia, magari al tramonto.

Il windsurf mi ha fatto scoprire tanti luoghi stupendi (Sudafrica, Sardegna, per citarne solo alcuni), mi ha fatto fare esperienze, e mi ha fatto conoscere (e di questo devo anche ringraziare Waterwind) persone interessanti ed amici, con cui condividere queste emozioni (anche se ammetto di aver conosciuto anche tanti personaggi con la mente limitata, o egocentrici, a cui il windsurf ha fatto male).

Più passa il tempo, e più cerco di riprodurre tutte queste sensazioni nelle mie uscite. Accetto sempre di meno di fare windsurf in posti brutti o con gente intorno sgradevole. Ovviamente, poi, conta sempre anche la qualità dello spot. Ma è l'insieme che conta, e posso accettare anche condizioni di vento o piano d'acqua meno belle, se poi, il posto o la compagnia compensano. 

Infine, devo riconoscere che il windsurf per me è stato tante volte anche una terapia, per spezzare le tensioni e le frustrazioni dovute ai tanti casini che la vita regala a tutti, in dose maggiore o minore.

E per voi? Cos'è il windsurf?

Ciao. Fabio

Sostenete Waterwind: diventate Supporter! Sustain Waterwind: become Supporters!

Share your passion!

Please Log in or Create an account to join the conversation.

Time to create page: 0.862 seconds
Powered by Kunena Forum