Le vostre recensioni dei prodotti

Iscriviti alle nostre newsletter!

Non perderti le nostre news e le nostre uscite: iscriviti alle nostre newsletter!
I agree with the Privacy policy

In questo articolo di Michele Ferraina, vi proponiamo una recensione della vela Freestyle di Severne, la Freek, e degli alberi Severne RDM Blue, con alcune considerazioni tecniche molto interessanti.

  

Windsurf, test vele: Severne Freek 2018, ed alberi Severne RDM Blue 2019.

Il modello di vela qui riportato e’ dell’anno 2018, un po’ datato, visto che ormai sono già uscite le vele 2020. Ma è ancora un’ottima vela freestyle, che potrebbe rappresentare un'ottima occasione nel mercato dell'usato, soprattutto per chi e’ alle prime armi, e non ha bisogno dell’ultimo modello.

Si tratta di una vela freestyle a 5 stecche, unica nel suo genere, in un settore dominato dalle 4 stecche. Le 5 stecche permettono di avere maggiore stabilita’ e maggior range di vento. La Freek infatti e’ una vela stabile e bilanciata, ma anche facile in ducking, e molto leggera. Il peso dichiarato e’ di soli 2.7 kg per la 4.4 e soli 2.9 kg per la 4.8. La 4.4 si arma con un albero 370, mentre la 4.8 con un 400.

 

 Windsurf Severne Freek 2018 3

Windsurf Severne Freek 2018 2

Windsurf Pianello Como 15

 

banner pubblicita


Due alberi sono in genere sufficienti per poter armare l’intero set, che potrebbe essere composto da sole tre vele:

- 4.0, 4.4, 4.8 per rider dal peso intorno ai 70 kg
- 4.4, 4.8, 5.2 per rider sopra gli 80 kg
- 3.6, 4.0, 4.4 per rider sotto i 60 kg (in questo caso basterebbe soltanto un albero 370).

Severne mette a disposizione tre modelli di alberi per poter armare la Freek, partendo dal più economico: Gorilla, RDM90 Blue, RDM100 Red.

Per il mio set (4.0, 4.4, 4.8) ho scelto due alberi RDM Blue (anno 2019), alberi al 90% in carbonio che secondo me rappresentano il giusto compromesso tra performance ed affidabilita’. Forse soltanto sulla 4.8 si potrebbe desiderare un filo di rigidita’ e leggerezza in piu’, che puo’ garantire sicuramente l’albero Severne RDM Red (100% carbonio).
In passato ho avuto modo di usare le stesse vele con degli alberi Maverx (Stilo 288 come 370, e Superleggero 400), che si adattavano molto bene alle vele Severne, essendo constant curve. Con gli alberi Severne però ho notato subito una spinta più progressiva, che probabilmente solo l'albero su cui è stata progettata la vela può dare nel migliore dei modi.

 

 

Windsurf Pianello Como 5

Windsurf Pianello Como 6

 

 

Windsurf Severne Freek 2018 1

Windsurf Severne RDM Blue 2019 1

 

La Freek si arma bene cazzandola poco al caricabasso, di solito lascio un centimetro in meno rispetto a quanto indicato.
Sulla bugna invece, aumentando leggermente la tensione si riesce a gestire facilmente anche la sovrainvelatura, e spesso non si ha la necessità di dover uscire dall'acqua a cambiare vela, merito sicuramente delle 5 stecche.

Per concludere, la Freek è un'ottima vela freestyle, stabile, leggera e facile. Dopo circa un anno di utilizzo la 4.4 e 4.8 (vele più utilizzate) si presentano come in foto, ancora in buone condizioni. Nonostante la leggerezza quindi la qualità dei materiali non è per niente male.

Ciao, Michele.

P.S. La redazione di Waterwind.it ringrazia Gianpiero Venè, distributore italiano di Severne e Starboard, per la gentile collaborazione.

Waterwind.it esiste grazie al vostro contributo: diventa nostro supporter, ed accedi ai contenuti riservati!

I commenti a fine articolo sono graditi (se non siete registrati su Disqus, e non volete farlo, potete accedere con il vostro account social).

Sei un windsurfer appassionato? Vuoi collaborare con noi? Leggi qui, allora

Se vuoi sponsorizzare Waterwind, fare pubblicità con noi, o inserire un tuo banner in questo articolo, contattaci.

Acquista i nostri gadgets, o le nostre Lycra.

 

Lista recensioni attrezzatura (per tipo di prodotto)

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più, vai alla sezione Cookie Policy.