Articoli di Waterwind

Iscriviti alle nostre newsletter!

Non perderti le nostre news e le nostre uscite: iscriviti alle nostre newsletter!
0
0
0
s2sdefault

Dopo qualche tempo che si fa windsurf, ci si inizia a porre il problema di ridurre il volume delle tavole usate. E se non ce lo si pone, sono quei simpaticoni degli amici che ci pongono il problema, iniziando a sfottere ogni volta che ci presentiamo sullo spot con volumi improbabili. Ma è veramente necessario scendere di volume nelle tavole impiegate? Ed il volume è l'unico parametro da considerare quando si decide di comprare una tavola di minor volume? In questo articolo, vi racconterò la mia esperienza fino ad oggi, ritenendo che possa essere utile anche per altri appassionati.

Come quasi tutti, ho iniziato a fare windsurf nel 2007 su una classica tavola beginner di grande volume (180 litri - io peso 65-70 kg) con deriva a scomparsa. Dopo avere imparato a starci in equilibrio, ho sentito il bisogno di passare ad un litraggio inferiore, in quanto il peso, ma anche le dimensioni della tavola, comportavano l'impossibilità di assaggiare la planata (tavola pesante da spingere, e dimensioni tali da determinare una resistenza in acqua elevata). Dopo aver provato un 155 litri, noleggiato a Gera Lario, ed essere stato recuperato dagli amici in macchina alla spiaggia della Punta a Sorico...., ho comparto un 145 litri freeride (RRD z-ride). Con questa tavola, ho imparato a planare con i piedi nelle straps senza raggiungere la perfezione.

Per andare ancora più forte (sempre per gli stessi motivi), sono ancora sceso di volume, passando ad un fantastico Tabou Rocket 125 litri (sempre un freeride). Fantastico fino ad un certo punto.... perchè, per quasi un anno, non sono riuscito neanche a mettere i piedi nelle straps (tanto che, ormai venduto il 145...., per la frustrazione, mi ero comprato un Jp X-cite ride 146!). Poi, un giorno è successa una magia, e sono riuscito ad infilare i piedi nelle straps anche della Tabou. La 125 litri mi ha aiutato a capire bene i movimenti chiave per entrare in planata, e per gestirla. Inoltre, essendo una tavola molto valida, mi ha aiutato ad imparare decentemente virata e strambata base, ed accennare virata veloce, e power jibe. Fino a quel momento, il 90% delle mie uscite si svolgeva in spot lacustri, o al mare, ma con onda contenuta (con tipiche brezze termiche).

 

jp x cite ride 1

 

 

Poi, ho iniziato ad uscire massicciamente al mare (Andora e Hyeres, in primo luogo), con onda decisamente più significativa. Potete leggere i risultati delle prime uscite in questi report/recensioni (report di Andora - ottobre 2013; Hyeres - novembre 2013). La 125 freeride, in tali condizioni, si è rivelata quasi completamente inadatta. Della prima uscita ad Andora, in particolare, ricordo i salti non voluti di oltre un metro, ad ogni onda presa di prua in planata.

 

tabou rocket 125 2008

A questo punto, per le uscite al mare, gli amici più esperti mi hanno consigliato di passare a delle tavole freestylewave, e di volume minore.

La lettura del seguito di questo articolo è riservata agli utenti registrati e sostenitori di Waterwind.it. Se non sei registrato, o se sei registrato con un account free e vuoi diventare sostenitore, leggi qui.

0
0
0
s2sdefault

Lista articoli windsurf pubblicati (per anno)

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.