Report-articoli

Iscriviti alle nostre newsletter!

Non perderti le nostre news e le nostre uscite: iscriviti alle nostre newsletter!
0
0
0
s2sdefault

Una tipica giornata di foehn invernale, ad Abbadia Lariana, sul lago di Como: vento forte e violento, ma a tratti godibile. E con un ospite d'onore: Yentel Caers, B-16!

 

Dati tecnici dell'uscita

Vento: Nord, 30 nodi medi, raffiche a 40 kts.

Piano d'acqua: Chop di circa 50 cm.

Vela: Ezzy Elite 3,7 2016

Tavola: Fanatic Quad TE 87 2013, con pinne di serie.

Peso del Rider: 70 kgs

Abbigliamento: Muta lunga 5, calzari 3 mm, moffole, cappuccio in neoprene.

 

DSC 0023

DSC 0041

 

Commento

Con il foehn, non sai mai cosa aspettarti..... In realtà, più che un foehn, vista la temperatura fresca dell'aria, una sassata da Nord, che ha iniziato a fare entrare l'aria artica prevista da giorni. Comunque, Abbadia Lariana, in questi frangenti, si rivela sempre un ottimo spot, con la possibilità di armare e cambiarsi, al riparo dal vento, e con un tiepido sole (12 gradi circa).

Tanti amici oggi sullo spot, e tante chiacchiere, difficile menzionarli tutti (anche perchè, ormai, conosco buona parte di quelli che escono sullo spot).

Arrivato verso le 10,00, il vento si è presentato subito serio, con qualche raffica che nebulizzava l'acqua. Con l'anemometro, a terra, ho misurato 30 nodi medi, e 37 di raffica (ma in acqua, sicuramente, sulle raffiche è arrivato a 40). Abbiamo aspettato un po' ad armare la vela, per verificare un eventuale calo. Intanto, io ho preparato la tavola. Oggi, avevo da provare un "nuovo" Fanatic Quad 87 2013, preso d'occasione, innanzitutto per capire le differenze rispetto al Fanatic Triwave 86 2013, che già possiedo (terrò solo una delle due tavole, credo). 

Dopo mezz'ora, avendo capito che non c'erano segnali di cedimento, mi sono rassegnato all'idea di non poter provare le nuove vele Ezzy 4,2 e 4.7 2018 , appena arrivate da testare, e mi sono deciso ad armare la 3.7.

DSC 0044

DSC 0057 

In tutto, ho fatto tre sessioni da 45 minuti, circa in acqua. La prima è stata quella meno divertente, con vento troppo instabile. La seconda e la terza, sono state, invece, divertenti, almeno per la prima mezz'ora, con vento disteso e giusto per la 3.7. Il quad mi è piaciuto. Si è rivelata una tavola che tiene benissimo il vento forte, e che affronta bene in piena velocità un piano d'acqua relativamente mosso. Più facile in virata, rispetto al triwave, per la maggiore tenuta della planata durante l'orzata, e per lo shape caratterizzato dalla maggiore larghezza a prua (anche se, complessivamente, la tavola è più corta). Gira e stramba in maniere più decisa e radicale del triwave. Fanatic (ed il suo shaper Sebastian Wenzel) si conferma un ottimo brand, per quanto riguarda le tavole da windsurf. Ovviamente, il test non è pienamente significativo, e mi riservo di completarlo al più presto con una serie di uscite in condizioni wave al mare. Prossimamente, un articolo approfondito di confronto delle due tavole, qui su Waterwind.

In occasione delle tre sessioni, ho sempre dovuto uscire dall'acqua ad un certo punto, principalmente per il freddo alle mani. Nonostante le moffole (che finora sono risultate il sistema più efficace), ad un certo punto contavo solo 8 dita.... Che la soluzione sia quella proposta da Paolo? Guantini termici, guanti per lavare i piatti sopra, e sopra ancora moffole. Oppure, la cremina per le mani, che aveva suggerito Roberto del Garda?

Sullo spot, anche un paio di amici ai loro inizi con il Nord, ed in particolare Jonathan, arrivato sullo spot con la mia vecchia RRD Z-Ride 146..... e che mi ha ricordato i miei esordi. Ovviamente, l'attrezzatura era del tutto inadatta, ma prove come questa sono fondamentali dal punto di vista psicologico per rompere il ghiaccio.... Ho rivisto con piacere anche quel vecchiaccio di Rolando, che gode sempre di ottima salute!

 

DSC 0118

DSC 0123

DSC 0130

 

Ad un certo punto, con Daniele, mentre guardavamo gli altri in acqua, ci siamo accorti di un marziano che ha fatto una specie di doppio speed loop.... Abbiamo scoperto poi che si trattava di B-16, ovvero Yentel Caers (vedi foto), che si divertiva con noi, e che ha definito le condizioni "challenging". Purtroppo, Yentel ha poi rotto l'albero (vedi slidegallery), ed ha rimediato un po' di freddo in acqua, per rientrare.

Ora vediamo se riusciamo a migrare verso acque più calde.....

Aloha. Fabio

 

Clicca qui, per la slidegallery completa della giornata.

 

I commenti a fine articolo sono graditi (se non siete registrati su Disqus, e non volete farlo, potete accedere con il vostro account social). E ricordate che i commenti su facebook volano, qui rimangono.....

Mandateci i report (anche brevi) delle vostre uscite con foto e video, o le vostre recensioni degli spot, o dell'attrezzatura. Li pubblicheremo su Waterwind, per condividerli con tutti!

Se vuoi sponsorizzare Waterwind, fare pubblicità con noi, o inserire un tuo banner in questo articolo, contattaci.

Sei un windsurfer appassionato? Vuoi collaborare con noi? Leggi qui, allora!

Aiuta Waterwind.it a crescere: sostienici

Per le sveltine.... andate su Facebook...., per la passione venite su Waterwind.it

Acquista i nostri gadgets, o le nostre Lycra.

 

Un breve video, che da la sensazione delle condizioni della giornata.

 

Il video della sessione di Yentel  

 

Un altro bel video della giornata  

 

0
0
0
s2sdefault

Lista report uscite (per mese ed anno)

Vimeo playlist - best of web

Youtube playlist: best of web!

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.