Trekking

Iscriviti alle nostre newsletter!

Non perderti le nostre news e le nostre uscite: iscriviti alle nostre newsletter!
I agree with the Privacy policy

Sono passato tante volte dal Passo del Maloja, in Engadina (Svizzera), e finora mi ero perso questa perla raggiungibile con un trekking alla portata di tutti: il lagh da Cavloc è un luogo incantato, che vi donerà quiete, panorami stupendi, e divertimento se siete con i vostri bambini. In questo articolo, vi descriviamo il percorso per raggiungerlo da Orden, con un itinerario ad anello, che, al rientro, tocca anche il Lagh da Bitabergh.

 

Trekking, Engadina (Svizzera): Orden (Maloja) - Lagh da Cavloc - Lagh da Bitabergh

Ammetto, ormai, di avere un debole per l'Engadina, e più la scopro, più me ne innamoro. Il 25 agosto 2020, ho effettuato, per la prima volta, l'escursione che vi propongo in questo articolo. Essendo partito tardi, per via di impegni nella prima parte della mattina, ho puntato ad un'escursione facile, non troppo lunga, e che non mi richiedesse di fare troppa strada in macchina partendo da casa. Allora, sfruttando i consigli della Guida escursionistica "44 passi - Itinerari per famiglie in Engadina" di Andrea e Luca Merisio, ho studiato qualche itinerario nella zona del passo del Maloja. Dopo l'escursione alla Chamanna Coaz (leggi articolo), che mi ha consentito di ammirare i grandiosi scenari del gruppo del Bernina, non mi aspettavo panorami strabilianti in questa area, ed, invece, ho dovuto ricredermi, ed il lago di Cavloc (italianizzato in Cavloccio), è stato davvero una bella sorpresa.

L'itinerario è presto descritto.

Poco prima di raggiungere il passo del Maloja, venendo da Sud, dalla Val Bregaglia, svoltate a destra, imboccando la strada asfaltata per Salecina (via Orden), che vi conduce, in meno di 1 km, al parcheggio di Orden (vedi mappa sotto), a 1800 metri di quota.  Ad agosto 2020, il parcheggio era gratuito.

Lasciata la macchina, proseguite lungo la strada sterrata (sempre via Orden), che dirige verso Est, e passa in mezzo ad alcune case tipiche engadinesi (fontanella, con possibilità di rifornirvi di acqua). L'area è sede del tracciato della pista di fondo del Maloja che percorro spesso d'inverno, e mi fa sempre un certo effetto rivederla verdeggiante, d'estate.

In breve, raggiungete (poco prima del ponte sul torrente Orlegna), la casa per vacanze di Salecina, luogo storico per la gioventù alternativa, negli anni 70-80, oggi parzialmente ristrutturata, ed ancora centro ferie autogestito, per chi cerca un'esperienza di soggiorno e di scambio culturale particolare (per dettagli, clicca qui). 

 

Trekking Lagh Cavloc Engadina 1

Trekking Lagh Cavloc Engadina 12

Trekking Lagh Cavloc Engadina 1

Trekking Lagh Cavloc Engadina 2

 

Superato, il ponte sul torrente Orlegna, la carrozzabile sterrata volge verso destra (Ovest) ed inizia a salire nel bosco, con pendenza modesta (essendomi scordato di avviare l'applicazione GPS al parcheggio, la traccia di questo articolo parte solo da qui).

Se volete, potete arrivare al lago ed al Ristorante Cavloccio percorrendo per intero la carrozzabile, che poi conduce fino all'Alpe Cavloc. Io, per accorciare i tempi di salita, dopo poco ho svoltato a destra in corrispondenza di un cartello segnaletico per il lago, ed ho imboccato uno dei sentieri che salgono diretti (e con maggior pendenza) al lago (vedi traccia). Fate voi la scelta più opportuna, tenendo conto che, se avete bambini piccoli, o persone anziane, al seguito, sicuramente vi conviene proseguire lungo la carrozzabile.

Il sentiero sale nel bosco, e si raccorda con quello che congiunge il Lagh da Cavloc ed il Lagh da Bitabergh, e che io ho percorso al ritorno (vedi dopo). In mezz'ora circa, raggiungerete una sella, all'interno di una valletta, dalla quale inizierete a vedere il Lagh da Cavloc, tra gli alberi, per poi raggiungerne la sponda Ovest.

Più vi avvicinate al lago, più lo sguardo sullo specchio d'acqua e sulle sue rive si amplia, e più rimanete stupefatti dalla sua bellezza. Raggiunta la riva del lago, potete farne il giro sia in senso antiorario, che orario. Io ho optato per quest'ultima scelta. Sono anche stato fortunato, in quanto le velature che coprivano il cielo alla partenza si sono dissolte, il cielo è diventato azzurro, ed è uscito un bel sole, che ha esaltato i colori delle acque del lago, e dei monti, e boschi intorno.

 

 

Trekking Lagh Cavloc Engadina 3

Trekking Lagh Cavloc Engadina 1

Trekking Lagh Cavloc Engadina 5

 

Lungo il periplo del lago, avete diversi punti attrezzati per il barbecue (forniti anche di legna!), con alcune spiagge e prati dove sedervi e rilassarvi. In particolare, un tratto di riva molto bella si trova, poco a Sud del Ristorante Cavloc, allo sbocco della piana, dove si trova l'omonimo alpeggio. Qui, arrivate in circa 1 ora dal parcheggio di Orden. Il lago è situato a 1900 metri circa s.l.m. 

Il ristorante Cavloc è situato in un piccolo edificio, parzialmente in legno, abbarbicato su una piccola rupe in riva al lago. L'edificio, soprattutto se visto dal lato Sud è suggestivo. Non avendolo provato, non mi esprimo sulla qualità di piatti (del resto in internet potrete trovare tante recensioni). Tuttavia, sono rimasto un po' colpito dai prezzi, e da certi piatti (38 CHF per il ragù - brasato? - di marmotta...).

Se partite per tempo, è bello anche proseguire oltre il rifugio, allontanarsi dal lago, e procedere prima verso l'Alpe Cavloc, e poi verso la Valle del Forno, sotto lo sguardo del Monte del Forno. Anzi, avendo a disposizione un intero weekend, o più giorni, può essere consigliabile raggiungere il Rifugio Forno (Forno Hutte), prevedendo un pernottamento. 

Io ho proseguito nel giro del lago, superando il ristorante, e mi sono sdraiato in un prato sulle sue rive, contemplando le pareti delle montagne che sovrastano il lago a Nord (Piz da la Margna), ed ascoltando il fruscio del vento che agitava gli abeti ed i larici. Adoro questo sibilo: mi da una sensazione di montagna, e mi sembra sempre che la montagna cerchi di parlarmi e comunicare qualcosa.

Chiuso il giro del lago, ho iniziato il percorso di discesa, seguendo le indicazioni e dirigendomi verso il Lagh da Bitabergh. Il sentiero scende, e poi, talora sale di nuovo, fino a raggiungere il piccolo specchio lacustre. Dopo aver ammirato il Lagh da Cavloc, il Lagh da Bitabergh vi sembrerà poca cosa. Più che altro, può essere piacevole godere della tranquillità dell'itinerario nel bosco che vi porta qui.

Piuttosto, se avete bambini piccoli, è interessante il percorso "Capel - dei contrabbandieri" che conduce qui dal parcheggio di Orden, passando per l'omonima diga, e che, facendo giocare i bambini, ricostruisce la storia del contrabbando tra Italia e Svizzera, con cui campavano molti abitanti della zona nel 1800 ed anche ai primi del 1900. Scendendo al parcheggio di Orden, per tornare alla macchina, ne abbiamo percorso un pezzo.

 

Trekking Lagh Cavloc Engadina 6

Trekking Lagh Cavloc Engadina 9

Trekking Lagh Cavloc Engadina 10

Trekking Lagh Cavloc Engadina 11

 

La diga di Orden, sul torrente Orlegna, e Villa Baldini, sono le ultime attrazioni dell'itinerario prima di raggiungere di nuovo l'auto. In particolare, la diga è una notevole opera di ingegneria, per proteggere i villaggi a valle, nel Comune di Stampa, in Val Bregaglia, dalle alluvioni che prima di tale opera causavano ingenti danni, in passato. A monte della diga, in caso di piena del torrente, si crea un invaso di 1,7 milioni di metri cubi, e che limita la portata defluente a valle. Sulla parete di valle della diga, sono anche state ricavate delle interessanti vie artificiali di arrampicata.

Villa Baldini, detta anche Villa La Motta, suggestivo edificio in stile gotico e neoclassico, eretto nel 1906, ed appartenuta al medico Augusto Baldini (al quale apparteneva anche la ex-fattoria di Salecina), si erge in una posizione davvero particolare, dominando la sottostante Val Bregaglia. 

Lasciare l'Engadina alle calde luci del tardo pomeriggio, sopratutto d'estate, per me è sempre molto difficile. E' come andare via dal paradiso... 

Ed allora, ieri, mi sono concesso un altro giro di perlustrazione di una delle prossime escursioni. Parcheggiata la macchina a Capolago, ho percorso un tratto dell'itinerario che sale a Blaunca e Grevasalvas, per ammirare il lago di Sils ed i monti intorno dall'alto.

 

Trekking Lago Sils Engadina 1

Trekking Lago Sils Engadina 2

Trekking Lago Sils Engadina 3

 

Mi sono fermato su un terrazzo roccioso, poco prima di Blaunca, per guardare lo scenario sottostante, con il sottofondo dei fischi di allarme delle marmotte. Anche qui, ho potuto riempirmi l'anima di un paesaggio commovente. Ma ho poi dovuto porre termine al mio girovagare, sia perchè il sole stava per tramontare dietro i monti che chiudono l'Engadina ad Ovest, sia perchè sarebbe stato un peccato non godere con calma, di questo nuovo itinerario, che promette un'altra giornata indimenticabile. Tornerò.

Sono quindi disceso a valle, con un po' di malinconia, ma con il ricordo di un'altra giornata indimenticabile in Engadina.

Allegra, o Gruetzi Mitenand!

Fabio Muriano

Clicca qui, per la slidegallery completa della giornata.

Leggi anche l'articolo sull'escursione alla Chamanna Coaz sotto il gruppo del Bernina, e su quella a Blaunca e Grevasalvas.

 

Ti è piaciuto questo articolo? Allora, diventa nostro supporter, ed accedi ai contenuti riservati! 

Oppure, fai una donazione:  

 

Vuoi collaborare con noi? Leggi questo articolo, allora!

Se vuoi sponsorizzare Waterwind, fare pubblicità con noi, o inserire un tuo banner in questo articolo, contattaci.

X

Right Click

No right click

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più, vai alla sezione Cookie Policy.