Articoli di montagna

Iscriviti alle nostre newsletter!

Non perderti le nostre news e le nostre uscite: iscriviti alle nostre newsletter!
I agree with the Privacy policy

L'itinerario da Torno a Pognana consente di effettuare una delle più belle passeggiate a mezza costa sui pendii che contornano il lago di Como. L'itinerario segue la Strada Regia, antica via di collegamento, che consentiva un tempo di raggiungere, a piedi o dorso di mulo, Bellagio partendo da Como.

 

Trekking: Strada Regia da Torno a Pognana

Ognuno ha i suoi idoli. Uno dei miei idoli è piuttosto inusuale: si chiama Albano Marcarini, cartografo, viaggiatore ed urbanistica, che con le sue guide mi ha regalato alcune delle più belle escursioni della mia vita. Il filo conduttore delle passeggiate proposte dal Marcarini è rappresentato dalla ricerca delle tracce e della memoria delle tradizioni di un tempo. Così, oltre a panorami naturali incantevoli, gli itinerari di questo autore portano ad incontrare antichi borghi, ponti e selciati di antiche vie di comunicazione, monasteri e chiese, romaniche e medievali, e sono l'occasione per ricordare come viveva l'uomo in epoche passate, e talora per spiegare usanze ancor oggi vive.

banner pubblicita

 

IMG 0731

 

Il percorso di questa passeggiata può iniziare direttamente da Torno (sponda orientale del ramo di Como - vedi mappa sotto), oppure dalla soprastante frazione di Molina (a patto di poter tornare in macchina a questo punto di partenza). Torno si contraddistingue per la sua piazza a lago, che, nonostante la vicinanza a Como, colpisce per la sua quiete (salvo forse in alcuni we estivi), e per la bella facciata della chiesa, illuminata in pieno dalla luce dorata del sole sul finire delle giornate. Per percorrere questo itinerario, basta seguire le indicazioni frequenti per la "Strada Regia" (vedi guida dell'autore).

 

 IMG 0719

Partendo da Molina, si è già in quota (460 m s.l.m.). Molina ha una piazza, con qualche palazzo antico, ed alcune strade intorno, che già meritano un attimo di sosta. Usciti dall'abitato, inizia il lungo percorso ad arco che si addentra in alcuni valloni che scendono dal Monte Palanzone, per poi uscirne nella seconda metà dell'itinerario, tornando ad affacciarsi sul lago. Dopo Molina, si raggiunge Lemna (frazione di Faggeto Lario), che sorge su una serie di terrazzi perfettamente esposti al sole. Prima di arrivare a Lemna, s'incontrano i prati Brema, che godono di una quiete unica e suggestiva, ed offrono magnifici scorci sul lago (nonchè un luogo ideale per la sosta). Anche la cappella della Madona del Rosario, poco prima di Lemna, merita una breve pausa, per la tranquillità del luogo.

 

IMG 0723

Gli abitati di Lemna, e di Palanzo alternano case rurali, ad antichi palazzi signorili, e sono percorsi da viottoli acciottolati, e sottopassi che è piacevole percorrere con passo lento, per godere della quiete dei luoghi. In queste frazioni, c'è anche la possibilità di pranzare in alcune semplici trattorie.

 

IMG 0726

Superata Palanzo, il percorso volge verso Pognana, passando da uno dei punti più panoramici di tutto il lago di Como: l'oratorio di San Rocco. La chiesetta è molto semplice, anche se il portico sotto la chiesa, attraverso il quale passa la strada, è molto particolare. Ma l'elemento veramente notevole è il piccolo sagrato davanti alla chiesa, che offre un balcone meravigliso sul tratto meridionale del lago di Como (ramo comasco). Qui il lago, che in altri punti poco più a Nord si stringe alquanto, si allarga, formando una distesa azzurra sotto i nostri occhi, e regalando una veduta di ampio respiro.

 

IMG 0743

Da San Rocco, il percorso scende ripido verso Pognana, transitando per la Chiesa della Trinità, fino a raggiungere la statale 583, dove si può prendere il bus per tornare a Torno, in una delle molteplici fermate.

 

IMG 0748

Il percorso è fattibile quasi tutto l'anno (solo nelle giornate più rigide d'inverno può non essere pienamente gradevole), ma, indubbiamente, offre il meglio di sè a primavera, all'iinizio dell'estate, ed in autunno.

Buona strada. Fabio Muriano.

 

Waterwind.it esiste grazie al vostro contributo: diventa nostro supporter, ed accedi ai contenuti riservati!

Oppure, fai una donazione!

I commenti a fine articolo sono graditi (se non siete registrati su Disqus, e non volete farlo, potete accedere con il vostro account social).

Vuoi collaborare con noi? Leggi questo articolo, allora!

Se vuoi sponsorizzare Waterwind, fare pubblicità con noi, o inserire un tuo banner in questo articolo, contattaci.

Clicca qui per vedere la slidegallery completa dell'itinerario.

 

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.