Articoli di montagna

Iscriviti alle nostre newsletter!

Non perderti le nostre news e le nostre uscite: iscriviti alle nostre newsletter!
I agree with the Privacy policy

Il Rifugio Rosalba è uno dei miei rifugi preferiti in tutto il comprensorio delle montagne attorno al Lago di Como. La sua posizione aerea ai piedi delle torri della Grigna Meridionale, lo rende un nido d'acquila sospeso nel vuoto, con un colpo d'occhio eccezionale sul lago di Como, sul gruppo del Monte Rosa, sul versante sud della Grignetta, e sulla pianura padana verso sud.

 

Trekking: al rifugio Rosalba alla Grigna meridionale

Diversi sentieri lo raggiungono. Uno dei più famosi è il sentiero della direttissima, molto bello, ma riservato ad escursionisti ragionevolmente esperti. Un sentiero più semplice a cui si riferiscono le foto del presente articolo è il sentiero delle Foppe, escursionistico, ma con il tratto centrale alquanto ripido.

Per prendere il sentiero, da Pian de Resinelli (raggiungibile da Ballabio, sopra Lecco, all'inizio della Valsassina), subito prima della Chiesetta, bisogna proseguire in macchina a destra e percorrere la strada fino in fondo, raggiungendo la località Le Foppe, dove si parcheggia in via del Ram (vedi indicatore sulla mappa).

banner pubblicita

 

RIMG0681

 

Il sentiero, dapprima in lieve salita e talora discesa, attraversa un bel bosco di faggi e castagni, fino ad arrivare alla base della cresta Ovest della Grigna meridionale, sopra la quale si trova il Rifugio Rosalba. Qui inizia un tratto di circa 300 metri di dislivello molto ripido (a tratti quasi si arrampica sui massi presenti lungo il sentiero), che sale molto ripido parallelo al "Sentiero dei Morti" dal quale vengono portati a valle coloro che hanno avuto un incidente in montagna.

 

 

RIMG0687

 

 

Il sentiero è esposto a Sud, ed a volte anche in pieno inverno, nelle giornate soleggiate, soprattutto in salita, può far caldo. Salendo in questo tratto, si guadagna quota, si passa da punti esposti, e si iniziano ad apprezzare gli scenari maginifici della Grignetta, che ricordano molto bene quelli dolomitici.

 

RIMG0688

 

 

Superato questo tratto, il sentiero sale, meno ripido, i prati sotto il rifugio. Ancora 150 metri (il rifugio è già in vista), e si raggiunge la meta. Al rifugio, si sente veramente appesi sulla cresta ovest che scende dalla Grigna. Sopra le nostre teste, le famose torri della Grigna meridionale, palestra di arrampicata per tante generazioni.

 

 

Link utili per l'escursione: U.O.E.I. Bergamo

 

Waterwind.it esiste grazie al vostro contributo: diventa nostro supporter, ed accedi ai contenuti riservati!

Oppure, fai una donazione!

I commenti a fine articolo sono graditi (se non siete registrati su Disqus, e non volete farlo, potete accedere con il vostro account social).

Vuoi collaborare con noi? Leggi questo articolo, allora!

Se vuoi sponsorizzare Waterwind, fare pubblicità con noi, o inserire un tuo banner in questo articolo, contattaci.

 

Clicca qui per vedere la slidegallery completa dell'itinerario. 

 

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.