Articoli di montagna
0
0
0
s2sdefault

Il Sassolungo ed il Sassopiatto dominano con la loro sagoma inconfondibile l'alta Val Gardena e l'alta Val di Fassa. In questo articolo, vi proponiamo un semplice itinerario intorno al Sassolungo, molto appagante dal punto di vista panoramico, più o meno alla portata di tutti, anche se non brevissimo.

 

Trekking: giro del Sassolungo - Saslonch (Val Gardena, Dolomiti)

L'alta Val Gardena offre molteplici itinerari di trekking ed alpinismo per tutti i gusti, in uno scenario di montagne tra i più belli al mondo. Per iniziare a scoprire questo meraviglioso territorio, vi proponiamo un itinerario intorno al Sassolungo, una delle cime più rappresentative della valle.

L'itinerario può essere compiuto in entrambe le direzioni (orario ed antiorario), partendo sempre dal Passo Sella (vedi mappa a fine articolo), e passando prima dal Rifugio Comici, poi dal Rifugio Vicenza e poi dal Rifugio Demetz, oppure facendo il percorso inverso. Nel primo caso l'itinerario, comporterà un dislivello netto in salita, nel secondo un dislivello netto in discesa. Noi, essendo con la famiglia ed avendo dei bambini piccoli al seguito, abbiamo percorso l'itinerario che prevede il dislivello in discesa, anche se non si deve credere che, per questo, la camminata sia una banale passeggiata. Abbiamo compiuto l'escursione a luglio 2018, con condizioni di discreto, ma non insopportabile, affollamento.

banner pubblicita

Trekking Dolomiti Dolomites Sassolungo 1

Trekking Dolomiti Dolomites Sassolungo 2

Trekking Dolomiti Dolomites Sassolungo 3

 

Siamo arrivati a Passo Sella da Selva Gardena (Wolkenstein), abbastanza comodamente con l'autobus di linea diretto a Canazei (a chi soggiorna in Val Gardena, i proprietari di alberghi e case danno una Card che consente di prendere gratuitamente per una settimana tutti i mezzi pubblici dell'Alto Adige).

Se voleste arrivare al passo in macchina (ma ve lo sconsigliamo), ricordate che da fine luglio a fine agosto, la strada che sale al passo è a traffico limitato dalle 9,00 alle 16,00, e dovete prenotare il vostro passaggio in una determinata fascia oraria tramite l'app per smartphone OpenMove.

Una volta arrivati al Passo Sella, prendete la telecabina che vi porta alla Forcella del Sassolungo, a 2685 metri, dove sorge il rifugio Demetz. La Telecabina vi riserverà già la prima avventura della giornata. Si tratta di un impianto alquanto datato (e che forse sarebbe anche ora di ammodernare), con minuscole cabine a due posti (tenete conto se avete più bambini piccoli al seguito, in quanto non possono andare da soli), che non rallentano la loro corsa al momento in cui le persone devono salire. Pertanto, vi toccherà prenderle in corsa, incitati dalle grida di incoraggiamento (vagamento dei jingle tirolesi), degli addetti dell'impianto.

 

 

Trekking Dolomiti Dolomites Sassolungo 4

Trekking Dolomiti Dolomites Sassolungo 5

 

Salendo con l'impianto, sotto di voi vedrete le serpentine del sentiero che dal Passo Sella sale alla Forcella, guadagnando quota sulla pietraia ai piedi del Sassolungo (a destra - nord) e del Sassopiatto (sinistra - sud). Il sentiero è un'alternativa per i più tonici ed allenati (o senza famiglia o bambini), e vi richiede circa un'ora per arrivare alla Forcella.

In circa 15 - 20 minuti, con l'impianto, arrivate alla Forcella. Scesi dalla telecabina soffermatevi a guardare il panorama che merita veramente: ad Est l'imponente gruppo del Sella, ad ovest la profonda incisione, che percorrerete tra poco in discesa, tra Sassolungo e Sassopiatto, e che sbocca nella bellissima Alpe di Siusi, che vedete sullo sfondo.

Iniziate, quindi, a scendere, seguendo le indicazioni per il Rifugio Vicenza. La discesa è ripida su pietre ed in mezzo ai massi. Pertanto, può essere, per la prima mezz'ora un po' faticosa, e sollecita i vostri quadricipiti. Trovate il vostro ritmo, e scendete, facendo qualche sosta, per ammirare i torrioni che, a destra ed a sinistra, incombono sopra la vostra testa, ed i gruppi di rocciatori che, molto probabilmente, ne staranno scalando alcuni.

Trekking Dolomiti Dolomites Sassolungo 6

Trekking Dolomiti Dolomites Sassolungo 7

Trekking Dolomiti Dolomites Sassolungo 8

 

Dopo la prima mezz'ora, la pendenza della discesa si riduce, il sentiero inizia a disegnare dei meandri più ampi, e, dopo un'altra mezz'ora di cammino, raggiungerete il Rifugio Vicenza, situato in posizione molto panoramica, sotto le guglie del Sassopiatto (che da qui non sembra proprio piatto), e su un terrazzo che si affaccia sull'Alpe di Siusi. Fate una sosta, e, magari, assaggiate, come abbiamo fatto noi, una delle buonissime torte che preparano al Rifugio (consigliamo quella di grano saraceno).

Dopo la meritata pausa, riprendete il cammino. Il sentiero, lasciato il Rifugio,  perde ancora per un po' quota, e poi, dirigendo a Nord, inizia un saliscendi di aggiramento del Sassolungo, che vi porterà alla Forcella di Ciaulonch.

Pian piano, la vista si apre sulle Odle, e sulla Val Gardena.

Per arrivare alla forcella vi ci vorrà più o meno un'ora scarsa (a seconda del vostro passo). La forcella è un crocevia, e da qui, se siete partiti, come noi, da Selva Gardena, potreste anche scendere verso l'area del Monte Pana, raggiunta dagli autobus che vengono su dalla valle, e collegata con Selva anche da una cabinovia. Altrimenti, proseguite verso il Rifugio Comici per chiudere il giro.

 

Trekking Dolomiti Dolomites Sassolungo 9

Trekking Dolomiti Dolomites Sassolungo 10

Trekking Dolomiti Dolomites Sassolungo 11

 

In tal caso, camminerete lungo il versante nord del Sassolungo (più o meno in ombra, a seconda dell'ora del vostro passaggio). A metà strada, rispetto al rifugio Comici, troverete un consistente nevaio, con grotta, nelle vicinanze del quale, la temperatura dell'aria risulterà sorprendentemente ben più fresca.

Dopo circa un'altra ora di cammino dalla Forcella di Ciaulonch, arriverete al Rifugio Comici. Il rifugio ha perso definitivamente i connotati del ricovero/riparo di alta montagna (basti vedere i bagni tecnologici), ed è diventato una sorta di ristorante/punto di ristoro di alta quota, dove vi serviranno prelibattezze gastronomiche sud tirolesi (i canederli di albicocca..., lo yogurt con i frutti di bosco, o la kaisershmarren....), con prezzi adeguati. Intorno al rifugio, ci sono dei bei prati in piano per rilassarvi.

Per terminare il vostro trekking, a questo punto, avete due alternative. O procedete seguendo il comodo sentiero in leggerissima salita che si dirige verso sud, e vi riporta verso il passo Sella. Oppure, come abbiamo fatto noi, se non avete il vincolo di dover recuperare la macchina, scendete verso Plan de Gralba, dove, lungo la strada SS 242 che sale al passo Sella, avete la fermata dell'autobus che vi riporterà a Selva/Santa Cristina o Ortisei. In questo secondo caso, mettete in conto una discesa di circa due cento metri di dislevello, per prati e sterrati, che potrebbe provare le vostre già affaticate gambe. In tutto, l'anello si chiude in circa 3 ore e mezza/4 di cammino.

Buona escursione. Fabio Muriano

Clicca qui, per la gustarti tutta la slidegallery dell'itinerario.

 

I commenti a fine articolo sono graditi (se non siete registrati su Disqus, e non volete farlo, potete accedere con il vostro account social). E ricordatevi che i commenti su facebook presto si perdono, qui rimangono sempre in evidenza!

Mandateci i report (anche brevi) delle vostre escursioni in Montagna con foto e/o video (anche in MTB, o con gli sci). Li pubblicheremo su Waterwind, per condividerli con tutti!

Se vuoi sponsorizzare Waterwind, fare pubblicità con noi, o inserire un tuo banner in questo articolo, contattaci.

Vuoi collaborare con noi? Leggi qui, allora!

Aiuta Waterwind.it a crescere: sostienici

Booking.com

0
0
0
s2sdefault

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.