Articoli di montagna

Iscriviti alle nostre newsletter!

Non perderti le nostre news e le nostre uscite: iscriviti alle nostre newsletter!
I agree with the Privacy policy

La ferrata Brigata Tridentina è una delle più famose ferrate delle Dolomiti. Realizzata dagli alpini sale da poco sopra Colfosco, fino al Rifugio Ciavazza al Pisciadù. Con buon allenamento, può essere concatenata con la salita alla cima Pisciadù, posta sopra il Rifugio a 2900 m.

 

Ferrate: la Tridentina e la Cima Pisciadù (Val Badia, Dolomiti)

Nel presente articolo, non forniremo una guida dettagliata alla salita della ferrata, in quanto in rete ne esistono già molte (vedi fine dell'articolo). Condividiamo qui le nostre foto e le impressioni della salita.

 

 DSC01053

banner pubblicita

 

La salita non è particolarmente impegantiva, anche se riservata a chi ha dimestichezza con le ferrate. Comunque, è tassativo seguire tutte le regole di sicurezza per un percorso del genere. Noi abbiamo effettuato la salita a luglio, in un giorno feriale, incontrando un ragionevole affollamento. Sappiamo bene, invece, che ad agosto, e nei week end estivi, la salita è molto problematica, se non impossibile da questo punto di vista.

 

DSC01069

Superato il tratto iniziale, la parte principale della salita, aggira ad Est il gruppo della Torre Brunico (Brunecker Turm), e motiva, per la sua bellezza, la fama della ferrata: si è esposti sulla grande parete verticale che guarda verso Nord Est, con una notevole sensazione aerea. E' questo il tratto dove, in caso di affollamento, la coda può essere più pesante. Finito questo tratto, s'incontra il famoso ponte sospeso, che collega la torre Exner, salita dalla parte finale del tratto verticale della ferrata, con il pianoro che porta al Rifugio Ciavazza. Dal Ponte (ben protetto), guardando giù si prova l'ebrezza del vuoto.

 

 DSC01071

 

Dopo una breve sosta al Rifugio (2585 m), noi abbiamo deciso di salire anche la Cima Pisciadù (2986 m), proprio sopra il rifugio. Complessivamente, ciò comporta un dislivello di 1000 m circa (il parcheggio di partenza è posto a circa 1900 m). Valutate bene il vostro allenamento.

 

DSC01075

In ogni caso, la fatica si avverte nel tratto finale della salita al Pisciadù, e soprattutto nella discesa finale per la Val Setus. Infatti, quest'ultima, dopo un primo tratto tranquillo, procede ripida nel classico ghiaione spaccagambe.

 

DSC01081

 

Globalmente, si tratta di un itinerario maestoso, in grado sicuramente di regalare forti emozioni, ma che va affrontato con la giusta saggezza... 

 

Buona salita. Fabio Muriano

Clicca qui per vedere la slidegallery completa dell'itinerario.

 

Waterwind.it esiste grazie al vostro contributo: diventa nostro supporter, ed accedi ai contenuti riservati!

Oppure, fai una donazione!

I commenti a fine articolo sono graditi (se non siete registrati su Disqus, e non volete farlo, potete accedere con il vostro account social).

Vuoi collaborare con noi? Leggi questo articolo, allora!

Se vuoi sponsorizzare Waterwind, fare pubblicità con noi, o inserire un tuo banner in questo articolo, contattaci.

Link utili per la salita:

Vieferrate.it

Planetmountain.com 

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.