Articoli di montagna

Iscriviti alle nostre newsletter!

Non perderti le nostre news e le nostre uscite: iscriviti alle nostre newsletter!
I agree with the Privacy policy

Punta Giordani è una delle più basse cime del gruppo del Rosa, ma comunque molto panoramica. E’ anche una delle più facili da salire, infatti non sono presente grossi difficoltà alpinistiche, l’importante è affrontare la salita con la giusta attrezzatura da alta montagna.

 

Trekking, Alpinismo: Punta Giordani (Monte Rosa) 

Difficoltà: Facile
Quota partenza (m): 3200m (arrivo funivia Punta Indren)
Quota vetta (m): 4046m
Dislivello complessivo (m): 846m

banner pubblicita

Con i miei due soci siamo partiti dalla località di Alagna (Valsesia), ma è possibile raggiungere la partenza per la vetta anche dalla località di Gressoney.

La giornata da noi scelta è fantastica, il tempo molto soleggiato e temperatura accettabile, all’arrivo della funivia ci troviamo davanti questo panorama.

foto 1

Da sinistra si possono vedere due canali che si percorrono solitamente per accedere velocemente al retrostante ghiacciaio fino ad arrivare alle cime più importanti, al centro la piramide di Vincent, e in fine sulla destra la punta Giordani, meta odierna.

Ci allontaniamo dalla funivia per legarci comodamente e iniziare la nostra salita.

foto 2

 

La salita si presenta subito molto ripida. Siamo il primo gruppo di alpinisti che procedono sul ghiacciaio, ci sentiamo molto in forma, quindi, procediamo spediti cosi da poter arrivare per primi in vetta e assaporarci qualche minuto di tranquillità.

Durante la salita la tentazione di guardare il panorama su Alagna è talmente forte che decidiamo di fare una deviazione e spostarci leggermente sulla destra del ghiacciaio per raggiungere un terrazzino naturale  con vista sulla valle sottostante.

 

foto 3

 

Ormai siamo in prossimità della vetta; davanti a noi troviamo l'ultima rampa finale, sotto al seracco dopo il quale, dopo un brevissimo traverso, si arriva alla vetta.

foto 4

Le fatiche stanno per finire e finalmente raggiungiamo la vetta che si presenta come un accumulo di sfasciumi.

La vista in questa giornata limpida ci consente addirittura di vedere i laghi della zona prealpina.

foto 5

Alle nostre spalle, invece, un panorama ancora più spettacolare, dalla nostra posizione si possono ammirare le altre cime del massiccio, dal Corno Nero alla Punta Gnifetti.

foto 6

Ora ci apprestiamo ad iniziare la discesa per raggiungere nuovamente la funivia.

Questo tipo di gita, come gia detto, in precedenza non presenta nessun tipo di difficoltà alpinistica, non ha nessun passaggio obbligato a cui prestare attenzione; è sufficiente scegliere una buona linea di salita, consona alle capacità tecniche e di prestanza fisica del gruppo.

Da Punta Indren è possibile raggiungere la vetta in giornata.

Buona escursione, Alessandro.

 

Waterwind.it esiste grazie al vostro contributo: diventa nostro supporter, ed accedi ai contenuti riservati!

Oppure, fai una donazione!

I commenti a fine articolo sono graditi (se non siete registrati su Disqus, e non volete farlo, potete accedere con il vostro account social).

Vuoi collaborare con noi? Leggi questo articolo, allora!

Se vuoi sponsorizzare Waterwind, fare pubblicità con noi, o inserire un tuo banner in questo articolo, contattaci.

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.