Forum ES

Suscríbete a nuestros boletines!

No te pierdas nuestras noticias y comunicados: suscríbete a nuestros boletines!
Estoy de acuerdo con el Política de privacidad

Goya one, two

Más
29 Nov 2016 20:47 #2521 por Livia
Respuesta de Livia sobre el tema Goya one, two
Grazie ad entrambi; le vostre risposte precise e chiarissime, sono di aiuto e conforto.

Por favor, Identificarse o Crear cuenta para unirse a la conversación.

Más
29 Nov 2016 20:32 #2520 por Marco Q
Respuesta de Marco Q sobre el tema Goya one, two
Di solito l'acqua piatta e' associata a vento leggero e irregolare, ecco forse il perche' della critica che riporti...
Mentre invece, come tu stessa dici e come anche Fabio riconosce, un fsw fila via che e' un piacere quando il vento e' buono. La sensazione di scivolamento che descrivi (bello il paragone sciistico) non e' solo dovuta alle dimensioni ridotte della poppa ma soprattutto al rocker piu' accentuato rispetto alla precedente (Fabio ti potrebbe segnalare un articolo sullo shape delle varie tavole forse illuminante), che consente ad un'andatura piu' "sollevata" e fluida (a scapito pero' della stabilita' direzionale e dell'angolo di bolina), caratteristica che entusiasma tutti.
Il tuo obiettivo prossimo e' (Fabio docet) quello di stare piu' avanzata possibile allungando le cime trapezio (e magari alzando un po' - 3/5 cm - il boma), noterai subito una migliore facilita' nella planata e un miglior controllo; nel caso tu ti senta strappare in avanti devi imparare ad "aprire" la vela con la mano posteriore e non a contrastare spostando il peso all'indietro. Qualche ribaltone all'inizio e' da mettere in conto ma ti vedo piu' che ben attrezzata (casco).
Continuando il paragone alpino, ora forse sei nella fase di quello che fissa le punte degli sci ed il terreno 3 mt avanti a se' ma presto arriverai a goderti il panorama e gli amici che ti sono intorno procedendo con la stessa naturalezza (almeno nei tuoi homespots) di quando cammini. Questo momento, visto l'impegno, la passione e la vicinanza al mare, arrivera' presto.
Goditi il Goya One!
Ciao
Marco

Por favor, Identificarse o Crear cuenta para unirse a la conversación.

Más
29 Nov 2016 10:00 #2517 por Livia
Respuesta de Livia sobre el tema Goya one, two
A presto speriamo.

Por favor, Identificarse o Crear cuenta para unirse a la conversación.

Más
29 Nov 2016 09:57 #2516 por ita4012
Respuesta de ita4012 sobre el tema Goya one, two
Dai, che se non cambiano le previsioni, forse, domenica vi veniamo a trovare.... (Conche o Sottomarina).

Ciao

Sostenete Waterwind: diventate Supporter! Sustain Waterwind: become a Supporter!

Share your passion!

Por favor, Identificarse o Crear cuenta para unirse a la conversación.

Más
29 Nov 2016 09:55 #2515 por Livia
Respuesta de Livia sobre el tema Goya one, two
Grazie Fabio,
Quanto hai ragione, talvolta mi metto sulla difensiva; questione di abitudine.
Adesso è arrivato il freddo, ma non ci si ferma.

Por favor, Identificarse o Crear cuenta para unirse a la conversación.

Más
29 Nov 2016 09:44 #2514 por ita4012
Respuesta de ita4012 sobre el tema Goya one, two
Ciao Livia. E' sempre un piacere leggere i racconti dei tuoi progressi. Si, progressi, perchè pensa che nonostante tutto stai continuando a ad alzare l'asticella delle difficoltà da superare....

Non concordo minimamente sul fatto che un fsw possa non andare bene in acqua piatta. A Gruissan, l'anno scorso, con 40 nodi ed accqua piattissima, mi sono divertito un sacco, con la tavola che viaggiava benissimo, e sfruttando la maggiore manovrabilità rispetto ad altri shape.

Quanto all'assetto visibile nelle foto....non va bene. E' il tipico assetto arretrato di chi sta sulla difensiva (d'accordo, eri influenzata e sei scusata). Busto e corpo arretrati, posizione seduta, braccia contratte, vela semi aperta. Questo spiega anche la prua della tavola che esce così tanto dall'acqua. Sui freeride, questa impostazione sbagliata viene perdonata di più. Sui fsw (per non parlare dei wave), la paghi di più, entrando con maggiore difficoltà in planata, ed avendo una tavola più orziera (fino a quando non plani, soprattutto). Abituati, subito, a tenere anche il piede posteriore centrale, e vicino alle straps anteriori, per entrare in planata più facilmente, e, quando hai messo entrambi i piedi nelle straps, a portare il busto in avanti (caricando il trapezio), e rivolgendo in avanti (verso prua) petto e faccia. Manterrai più facilmente la planata, e, facendo lavorare meglio il bordo di sopravento della tavola, bolinerai di più. Inoltre, la vela si chiuderà automaticamente per la stessa posizione del corpo. E mantieni le braccia distese. Le cimette del trapezio devono essere lunghe (devono andare in tensione appena prima delle braccia, che a questo punto saranno quasi completamente dritte).

Quanto al fatto che il windsurf talora sia più stress che divertimento.....dipende da noi... Bisogna fissarsi degli obiettivi (è fondamentale), ma non diventare maniaci, perchè è uno sport più difficile rispetto ad altri, e che non consente di raggiungere risultati immediati (a parte i veri talenti, e quelli che surfano tutti quasi i giorni). Ma proprio per questo è così intrigante. Ed ogni tanto, va bene accontentarsi anche di una bella planata in scioltezza, e qualche salto, in uno spot panoramicamente appagante.

Buon vento. Fabio

Sostenete Waterwind: diventate Supporter! Sustain Waterwind: become a Supporter!

Share your passion!

Por favor, Identificarse o Crear cuenta para unirse a la conversación.

Más
28 Nov 2016 20:53 #2513 por Livia
Goya one, two Publicado por Livia
Oggi è arrivata la bora, alta quindi uscita in laguna, all'amato Irom, e niente Sottomarina. Il buon senso avrebbe detto di restare a casa con il termometro in bocca, ma la voglia di provare la tavola e di rispondere alle tante critiche venute da persone che poco mi conoscono era più forte dell'impellente influenza; ad una critica più delle altre sentivo il bisogno di rispondere "butterai via un anno di windsurf per provare una tavola che con l'acqua piatta non ha nulla a che vedere".
Me l'ero studiata per tre settimane quella tavola, leggendo i siti stranieri, e confrontando con la One con la Carrera in mio possesso. Il cambio non è stato per il volume, ma per altre questioni che terrò per me.
Ad ogni modo, oggi sono uscita con la 4 e 8 e raffiche sui venti nodi, base 17, poi non ho più guardato gli anemometri, comunque si planava a stecca con la 4 e 8. È andata stra bene, la tavola scivola sull'acqua come se ci fosse uno strato di sciolina tra la carena e l'acqua. In un secondo momento la tavola era leggermente alzata di prua, ma era calato il vento e cominciavo ad essere un po ' stanca. Sono riuscita a vedere un po' di foto mie, l'assetto non è il massimo ma migliorerà. Le critiche dopo l'uscita di oggi fanno parte del passato e neanche ci voglio pensare.
Quello che mi chiedo è questo, ma non datemi della pesantona: d'accordo, il windsurf è prima di tutto divertimento, ma per me è davvero difficile in certi momenti praticarlo senza capire quali sono i miei obiettivi. Adoro le uscite con i miei compagni di viaggio, o con chi sta iniziando a fare windsurf, ma ci sono dei momenti di sconforto o meglio di sbandamento per non sapere dove andare. Ringrazio mille volte Fabio per avermi indicato il dvd di Tricktionary, mi aiuta tantissimo nel capire qual è il percorso per progredire.
Non leggete male queste parole, della tavola e dello sport sono entusiasta ed ogni tanto mi lascio andare a questi commenti perché una certezza c'è: il windsurf non lascio.
Adjuntos:
El siguiente usuario dijo gracias: ita4012

Por favor, Identificarse o Crear cuenta para unirse a la conversación.

Tiempo de carga de la página: 0.400 segundos

Mensajes privados

No has iniciado sesión

X

Right Click

No right click

Este sitio utiliza cookies, incluso de terceros. Al cerrar este banner, desplazarse por esta página o hacer clic en uno de sus elementos, autoriza el uso de cookies. Si desea saber más, lea la Política de cookies.